Montebello Jonico, dopo il Covid rischia di morire per una strada indecente

Montebello Jonico, dopo il Covid rischia di morire per una strada indecente

Ha rischiato di morire sulla strada provinciale Sant’Elia-Fossato nel comune di Montebello Jonico. Claudia Pugliese stenta ancora a credere a ciò che ha vissuto in prima persona nella giornata di martedì. Soltanto un miracolo le ha permesso di essere ancora sulle sue gambe a raccontare una vicenda che ha dell’incredibile e che l’ha messa ancora una volta davanti alla morte.

Incidente Montebello Jonico, un miracolo

Erano le 5,40 di martedì mattina quando Claudia Pugliese, insegnante all’Istituto comprensivo “Falcone-Borsellino” di Caulonia Marina, a bordo di una “Ka” di colore nero stava percorrendo la strada provinciale Sant’Elia-Fossato. Si stava recando a Melito Porto Salvo per salire sul pullman che avrebbe dovuto condurla al lavoro. Ad un certo punto, in piena curva all’altezza di contrada “Battaglia” a poca distanza dal centro abitato di Masella, l’utilitaria ha perso aderenza finendo fuori strada. L’auto è scivolata sull’asfalto reso viscido dalla presenza di fanghiglia, uscendo di strada e precipitando in una sorta di grosso tombino. Nell’impatto col terreno, avvenuto circa tre metri più in basso, la carrozzeria si è deformata, intrappolando la donna che era al volante.

Incidente Claudia Pugliese

L’incidente in questione si è verificato in un tratto senza parapetti. Per fortuna, Claudia ha avuto la freddezza, nonostante le difficoltà, di telefonare ai vigili del fuoco che sono giunti sul posto quasi un’ora più tardi. L’intervento non è stato semplice ma per fortuna è andato a buon fine. La donna è stata estratta dalle vetture per essere affidata alle cure dei sanitari mentre, in un secondo momento, si è provveduto anche alla rimozione della vettura. Claudia ha riportato la frattura dello sterno e di due dita della mano. Per lei una prognosi di 30 giorni almeno e un sospiro di sollievo per come è andata a finire. La stessa donna, negli ultimi mesi, aveva combattuto e vinto una difficile battaglia contro il Covid che aveva raccontato ai microfoni di Ntacalabria:

CLAUDIA BATTE IL CORONAVIRUS, IL SUO RACCONTO. 40 GIORNI INTERMINABILI

Pericolosità della strada

Scampato il pericolo, Claudia Pugliese ha voluto ribadire ancora una volta la pericolosità di questa arteria stradale dove stava per morire. Lo aveva fatto anche un mese fa tramite un articolo sul nostro giornale online nella sua analisi sui gravi rischi idreologici sulla strada provinciale Sant’Elia-Fossato.

Claudia Pugliese negativa

La manutenzione ordinaria e straordinaria è qualcosa che su questa strada non si vede facilmente. – ha dichiarato – E ogni volta che piove, purtroppo, le condizioni peggiorano e la sicurezza per gli automobilisti diminuisce. Così proprio non si può andare avanti. Servono interventi urgenti prima di piangere un morto.

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, ed ideatore insieme a Nino Pansera della testata ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Marketing Manager in Irlanda.