Rubrica di satira calabrese, 26esimo numero

Rubrica di satira calabrese, 26esimo numero

Eccoci di nuovo on-line con il 26esimo numero di “Cocci ì nannàta”, la rubrica di Fortunato Tripodi che vuole offrire, a chi avrà il piacere di seguirla, un punto di vista alternativo rispetto a fatti di cronaca, ma anche avvenimenti ed eventi personali e collettivi in cui emergono vizi (tanti) e virtù (pochissime) della nostra contemporaneità.

26esimo numero di “Cocci ì nannàta”

BILANCI PASQUALI – E poi finiscono le festività pasquali e scopri il dramma. No, non sono certo quei 2-3 chili in più sulla bilancia, anche perché di quello… MI ‘NDI FUTTU. Il dramma vero è che, facendo un giro per casa alla ricerca di cudduràci, pastéri cioccolata, etc., per prima cosa ti accorgi che non ‘RRISTÀRU MANCU I SCORCI; ma soprattutto realizzi che la tanto vituperata “colomba pasquale” che dal 1942 si fici ‘u giru da provincia, da Schindilifà a Petrapinnata, da Varapodio a Staiti, passando per Sinopoli e Cinquefrondi, di riciclo in riciclo…. ebbene si, amicu bellu: st’annu ta ‘mbiddàru a ‘tia!

POESIA:

Si sta come
Intr’o stipu
Mbrugghiatu ‘nda carta stagnola
L’urtimu spicchiu i pastera.

Speciale 25 Aprile

25 APRILE – E come ogni ricorrenza della Liberazione, l’auspicio – sempre più flebile col trascorrere degli anni – è ‘a Madonna mi ‘ndi libera ‘di storti…

25 APRILE e 1° MAGGIO – Tutti che parlano male della sinistra (‘a bonanima), du comunismu (pace all’anima sua) e di cumpagni (vedi sopra), ma poi non c’è 25 Aprili o 1 Maggiu chi non vi jittàti ‘na menzìna (desueta unità di misura) ‘i porcu supra ‘a ‘bbrasci e non vi calàti puru a curuna ‘i Santu Lazzaru… Mancu ‘i fissa, cusì…

MEMORIE DI 25 APRILE CHE FURONO…

Ricordo ancora che, quando ero ragazzino, ogni 25 aprile facevo il primo bagno a mare. Qualsiasi fosse la temperatura o le condizioni meteorologiche. ‘U 25 aprili, cascasse il mondo, ‘ndi facivimu ‘u bagnu…
Si andava a mare per pescare… per fare finta di pescare. Mezze giornate sane per tirare su, quandu iva ‘bbona, qualche scazzùpulu, 2-3 gàiuleddi. E poi a un certo punto c’era sempre uno, più “bbestia” degli altri, che urlava “fissa l’urtimu chi si jetta a mari…”. E si finiva in acqua, a fare il primo bagno…
Ora, a parte il fatto che se facessi adesso il bagno già al 25 aprile pensu chi ‘o muriva ‘nti ll’acqua pi direttissima o, nella migliore delle ipotesi, finiva ‘o spitali ricoveratu, ricordando questi episodi, mi chiedo: “come mai ieu era sempri o ‘u “bestia” che urlava “fissa l’urtimu chi si jetta a mari…” oppure era l’urtimu “fissa” chi ‘rruàva ‘nti ll’acqua?

Ed infine:

PROVERBIO DELLA SETTIMANA – ‘U Signuri non senti l’angiuli cantari e vo’ mi senti ‘i scecchi ‘rragghiàri?

Leggi anche: Rubrica di satira calabrese, 25esimo numero