Reggina-Varese 3-4, il commento: suicidio Reggina

Reggina-Varese 3-4, il commento: suicidio Reggina

La Reggina nella giorno della partita del Centenario decide di interpretare il ruolo di Dottoe Jekyll e mister Hyde. La squadra amaranto ad un primo tempo perfetto, contrappone un secondo tempo in cui decide di suicidarsi. Gagliardi e Zanin schierano la squadra con un 4-2-3-1, con Pambou e Dall’Oglio davanti alla difesa e Maicon, Sbaffo e Dumitru che sono da supporto a Di Michele.

E’ proprio Dumitru a portare in vantaggio all’8′ gli amaranto con un goal da cineteca. L’ex Napoli si accentra dalla sinistra, dribbling al difensore e destro a giro che si insacca all’angolino alto e non da scampo a Bressan. Il Varese soffre a centrocampo dove non riesce ad impostare le azioni utili per creare pericoli alla retroguardia amranto. Gautieri chiama i suoi ad una reazione che arriva al 22′, Di Roberto da dentro l’area spara sopra la traversa con Pigliacelli fuori causa. La Reggina subisce l’iniziativa del Varese ma è brava a limitare il raggio d’azione della squadra di Gautieri e addirittura trova il raddoppio. Sbaffo si procura un calcio di punizione dal limite, della battuta se ne incarica capitan Di Michele che la piazza alle spalle di Bressan. Messo a segno il raddoppio l’arbitra manda le squadre negli spogliatoi. La ripresa inizia con n cambio nelle fila del Varese, Gautiere manda in campo Calil per Damonte. Ed è proprio Calil a rendersi pericoloso dalle parti di Pigliacelli in due circostanze. Il goal è nell’area ed arriva  Sugli sviluppi di un calcio di punizione, Bjelanovic svetta più alto di tutti e accorcia le distanze. Qualche minuto Gagliardi manda in campo Frascatore per Maicon. Al 25′  gli amaranto rimangono in dieci  Barillà, si scontra con Bressan in uscita disperata a centrocampo, l’amaranto commette fallo e l’arbitro lo manda negli spogliatoi. In inferiorita numerica la Reggina esce di scena, il Varese sfrutta il momento e trova il 2-2 con Oudamadi di testa. Poco dopo arriva anche il 3-2 con un gran tiro da fuori di Calil su cui Pigliacelli non può nulla. Sul “Granillo” cala il silenzio ma Fischnaller, appena entrato ristabilisce la parità siglando il gol del 3-3 e riporta un po di tranquillità ala Granillo. Tranquillità che dura poco perchè a chiudere i conti ci pensa Oudamadi che in contropiede mette a segno il 4-3 per il Varese.

 

Category Calcio, Sport

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!