Reggina: Il bilancio è positivo

Pippo Inzaghi

Pippo Inzaghi

La Serie B, si sa, è lunga, e logorante da affrontare ed ogni partita va lottata e sudata, così come sta facendo la Reggina, che merita la copertina di questo primo scorcio del campionato cadetto, grazie al lusinghiero rendimento che è valso quattro vittorie di fila ed il primo posto in condominio con il Brescia.

Quattordici reti siglate e due subite Undici marcatori in sei giornate: Crisetig, Menez (2), Rivas, Fabbian (3), Liotti, Majer, Pierozzi, Lombardi. Canotto, Gori e Gagliolo. I numeri, dicono che le scelte fatte, stanno ripagando. Basta pensare alle riconferme di Cionek, Crisetig, Liotti e di Rivas, nonostante il pressing del Sion.

Il mercato

Dal mercato sono arrivati elementi importanti, come Gagliolo- andato a segno con il Cittadella – dietro e Majer in mezzo. Ma anche le scelte del tecnico amaranto hanno avuto il loro peso, come quella di tenersi in mediana Liotti. In rosa, Colombi e Ravaglia, rappresentano il giusto mix tra i pali. E, cosa dire ad esempio di Camporese, o di Canotto, Pierozzi, Gori – hanno riassaporato il gusto del gol – e Agostinelli che con le sue qualità, certamente troverà al momento giusto il suo spazio.

Ménez – Fabbian

Inzaghi, ha rivitalizzato l’estroso Ménez, che sta rispolverando giocate d’alta scuola, rivelandosi una delle grandi risorse a disposizione del tecnico amaranto. Leader della squadra, sta mettendo a disposizione dei compagni tecnica e visione di gioco. In gol contro Spal e Palermo, ha fornito prestazioni maiuscole, mettendo su un piatto d’argento, assist determinanti contro Pisa e Cittadella.

A centrocampo, il tecnico piacentino ha lanciato il promettente Fabbian proveniente dalla Primavera dell’Inter, il cui rendimento sta andando oltre le più rosee aspettative. Il classe 2003, ha già messo a segno tre reti, affermandosi come uno dei protagonisti di questo inizio di stagione, con i suoi improvvisi inserimenti che gli consentono di procurarsi situazioni interessanti.

Un gruppo compatto

Uno degli aspetti principali di questa rosa, è l’ essere un gruppo coeso, dove tutti si sentono coinvolti. Chi è entrato a gara in corso – si è visto – non si è mai risparmiato. A Ferrara, Gori ha innescato l’azione del tre a uno finale, contro Südtirol e Palermo, Lombardi e Liotti hanno prodotto una marcatura. A Terni, Canotto e Cicerelli sono entrati bene. A Pisa, l’ex Frosinone e Ricci, hanno dato il loro importante contributo.

Alla ripresa, Ménez, e compagni, saranno di scena a Modena ma, è da sottolineare che una partenza così perentoria degli amaranto non si era mai vista.

Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali online seguendo il calcio e la Reggina.