Sicurezza sullo Stretto. Le nuove norme mettono a rischio la Traversata

di Giusy Nuri

In occasione della giornata nazionale della sicurezza in mare, si è svolto nei locali del Castello Ruffo di Scilla una manifestazione organizzata dalle Lega navale dello Stretto dal titolo “La sicurezza della navigazione dello Stretto di Messina”, patrocinata dal Comune di Scilla e dalla Guardia Costiera. Dopo l’introduzione di Giuseppe Vetere, coordinatore delle Leghe dello Stretto e i saluti del sindaco Gaetano Ciccone, sono intervenuti vari esperti del settore della sicurezza della navigazione. Francesca Pellegrino dell’Università degli Studi di Messina ha relazionato sulla “La giuridicità territoriale dello Stretto”, il Comandante Giannetto, vice responsabile dell’autorità marittima dello Stretto, su “Il V.T.S. Qualità di vigilanza nello Stretto”, l’avvocato Mario Loiacono su “Aspetti penali della sicurezza in mare”. In ultimo il Comandante Domenico Pellegrino socio della Lega di Villa San Giovanni, ha analizzato le rotte della navigazione dei mezzi marittimi prima e dopo l’entrata in vigore dello Schema di separazione del traffico nello stretto, dove è emerso una proposta migliorativa per all’Autorità Marittima dello stretto. Nel corso del convegno, il vicesindaco di Villa San Giovanni Antonello Messina ha espresso la sua preoccupazione circa la probabilità che la tradizionale Traversata, che quest’anno giunge alla sua 46° edizione, non si possa svolgere, a causa delle nuove disposizione normative che regolano il transito sullo Stretto. L’invito di Messina alla autorità civili e miliari è stato quello di trovare una soluzione affinchè non venga cancellata la gara, che può essere considerata un patrimonio tradizionale e culturale dell’intera area dello stretto.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!