Roberto Ieraci (Generazione Futuro) sul centro Afa Reul di Bianco

ieraci

Questo post é stato letto 20560 volte!

ieraci
ieraci

Il Coordinatore Provinciale dell’area jonica di Generazione Futuro movimento giovanile di Futuro e Libertà Roberto Ieraci prende posizione in merito alla gravissima vicenda che in questi giorni sta danneggiando il centro Afa Reul di Bianco dove sono  ospitati molti bambini diversamente abili e, che a causa dell’esaurimento dei budget regionali e il conseguente mancato rinnovo dei contratti ha costretto la struttura bianchese a mettere in cassa integrazione i dipendenti.

Purtroppo afferma Ieraci i nostri amministratori Regionali ma sopratutto i nostri tanti parlamentari dimenticano le tante promesse fatte, in questi anni ai genitori di questi bambini disabili che usufruiscono della struttura e che a causa dell’interruzione dei cicli riabilitativi ai quali sono sottoposti potrebbero causargli  gravi problemi  sul piano fisico, cognitivo e neuropsicologico  con conseguente peggioramento della loro qualità della vita.

I tagli alla sanità e i ridimensionamenti  hanno finito per colpire coloro che veramente hanno bisogno di cure ed assistenza  afferma il coordinatore provinciale,  a discapito di coloro che in questi anni hanno prosperato sulla spesa sanitaria .

Il mio augurio è quello che L’Asp e il  commissario per la sanità presidente Giuseppe Scopelliti possano al piu’ presto risolvere quest’importante vicenda con l’augurio che i tagli alla sanità vadano a colpire altri aspetti e non il sacrosanto diritto riconosciuto ai cittadini qual’è quello della salute. Noi giovani di Generazione Futuro siamo vicini ai tanti bambini e ai loro genitori che in questi giorni stanno vivendo questa triste vicenda  con l’augurio che si possa risolvere al quanto presto.

                                                    Coord. Area Jonica Generazione Futuro RC

                                                                               Roberto Ieraci

Questo post é stato letto 20560 volte!

Author: Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *