Reggio, reinserimento S.S. 106 nei corridoi europei

cgil

Questo post é stato letto 17540 volte!

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato della Segretaria Generale CGIL Reggio Calabria Locri, Mimma Pacifici, Coor.Infrastrutture  CGIL Reggio Calabria Locri, Pino De Felice:

La Cgil del Comprensorio Reggio Calabria – Locri esprime soddisfazione per la richiesta, proposta dall’assessore Francesco Russo, del reinserimento della S.S. 106 (tratto Catanzaro Lido a Reggio Calabria) nell’ambito dei corridoi europei di grande comunicazione, necessaria per il miglioramento complessivo dei collegamenti nazionali e dell’accessibilità esterna della Regione. Ricordiamo infatti, che nel silenzio della classe politica calabrese, a dicembre 2013 in sede Europea si consumò una scelta scellerata nei confronti della nostra Calabria. Venne esclusa dalla programmazione europea la S.S. 106 per il tratto di strada oggetto oggi di deliberazione.

Solo la CGIL di questo territorio e il professore Francesco Russo, provarono sin da subito ad attenzionare il problema, indicando le incongruenze delle decisioni assunte che prevedevano l’istituzione della zona Adriatica – Ionica come corridoio nel quale attivare una progettazione di sviluppo e di possibile integrazione con i Balcani e l’Est europeo che si interrompeva a Catanzaro Lido. Tale deliberazione, anticipata il 28/06/2016 a Reggio Calabria all’atto della presentazione del nuovo Piano Regionale dei Trasporti è il risultato dell’impegno profuso dall’Assessore Regionale Francesco Russo e da tutta la Giunta regionale. Riteniamo che l’intera comunità politica debba uscire da logiche perdenti dei particolarismi per consentire di trovare meccanismi economici, che siano in grado di portare verso una progettazione di sistema per la S.S. 106 e renderla una vera opportunità di sviluppo e di garanzia di mobilità per la Calabria e l’intero Mezzogiorno“.

Questo post é stato letto 17540 volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *