Reggio Calabria, quattro rinvii a giudizio per il “Processo Leone”

attentato bagnara calabra

Questo post é stato letto 29050 volte!

carabinieri
carabinieri

Antonino Iamonte, Guido Brusaferri e Antonino e Domenico Tomasello dovranno comparire, tra qualche settimana, al cospetto della Seconda Sezione Penale del Tribunale di Reggio Calabria. Il reato contestato agli indagati è l’associazione a delinquere, finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: e di mezzo vi sarebbero anche le cosche Cordì di Locri e Iamonte di Melito Porto Salvo. Al centro dell’indagine, condotta dai sostituti procuratori della Dda Antonio De Bernardo e Marco Colamonaci, una presunta organizzazione criminale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dall’India e dal Pakistan in Europa.

Si tratta di un processo imponente, con centosei imputati: dopo la costituzione delle parti, però, il Gup ha trattato solo la posizione dei soggetti detenuti, rinviato a marzo l’analisi delle posizioni degli imputati a piede libero. Da qui la discussione del caso dei quattro uomini e il successivo rinvio a giudizio.

Questo post é stato letto 29050 volte!

Author: Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *