‘Ndrangheta, sequestrati beni per riciclo nelle lotterie nazionali

‘Ndrangheta, sequestrati beni per riciclo nelle lotterie nazionali

superenalotto

La ‘ndrangheta faceva anche ricorso al sistema delle vincite a giochi e lotterie nazionali per riciclare i proventi del traffico internazionale di droga. L’organizzazione criminale riciclava ”somme ingentissime” acquistando dal reale vincitore del Superenalotto le schedine vincenti e facendosi poi accreditare le vincite dalla Sisal di Milano su conti correnti accesi appositamente, sottraendosi così al rischio di segnalazioni per operazioni sospette.

Una tecnica che sarebbe stata adottata in particolare per una super-vincita realizzata a Locri, in provincia di Reggio Calabria, nella ricevitoria del suocero di Nicola Lucà, ritenuto un esponente della cosca Mancuso, già condannato a 14 anni di reclusione per associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.

Nei confronti di Lucà i carabinieri hanno dato esecuzione a un provvedimento di confisca di beni, emesso dalla Corte d’Appello di Catanzaro, per un valore di 5 milioni e 600 mila euro. Confiscati anche due immobili a Marina di Gioiosa Jonica.

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Content Marketing in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!