Il Centenario della statua dell’Addolorata venerata a Gallico Marina

Il Centenario della statua dell’Addolorata venerata a Gallico Marina

Di Domenico Mazzù

Ricorre quest’anno il primo centenario, (1917/2017), della statua–manichino della Madonna Addolorata venerata nella Chiesa Santa Maria di Porto Salvo in Gallico Marina.

Una data particolarmente tragica, rimasta nella memoria del popolo gallicese. È il 28 agosto 1917, quando la nave traghetto “Scilla”, gemella della “Cariddi”, da poco partita dal porto di Reggio Calabria ove aveva caricato un contingente di truppa composto di seicento uomini tra soldati, ufficiali e sottufficiali, con destinazione Messina e navigando sulla rotta di sicurezza poco distante dalla costa, giunta davanti all’abitato di Gallico, fu silurata da un sommergibile nemico.
Dopo il grande boato provocato dall’esplosione, un’immensa folla accorse terrorizzata sulla spiaggia. Inutile l’attività di soccorso per salvare i naufraghi risucchiati dal gigantesco vortice prodotto dalla nave che affondava. Il 14 settembre 1917, lo Stretto di Messina era dichiarato in “Stato di guerra”.

Fu in questo momento particolarmente triste per la storia della comunità gallicese della Marina, già provata da tragedie e lutti che il parroco del tempo Francesco Morabito, decise di realizzare una statua dell’“Addolorata”; le spese furono sostenute dalle offerte spontanee della popolazione. Povere sono le notizie dello scultore–pittore Letterio Allegra, l’artista era specializzato in opere sia pittoriche sia scultoree di soggetto sacro e nella realizzazione di pastori per il presepe; anche il figlio Antonio, morto il 18 luglio 1823, all’età di ventotto anni, svolgeva l’attività di scultore.

È difficile compilare un catalogo completo delle sue opere, i restauri spesso maldestri eseguiti nel passato hanno cancellato ogni iscrizione; tra quelle accertate perché datate e firmate sono da segnalare tra le più importanti quella di : «S.s. Cosma e Damiano», 1895, olio su tela, Santuario Santa Maria di Porto Salvo, Melito; «Madonna del Carmine», 1895, olio su tela, Santuario Santa Maria di Porto Salvo, Melito; «Madonna Immacolata» fine secolo XIX, cartapesta, Chiesa di Pepe, Reggio Calabria; «Madonna di Monserrato» 1909, olio su tela, chiesa omonima situata in via Sbarre Inferiori a Reggio; «Madonna Addolorata», 1917, manichino vestito, con parti visibili in legno, Chiesa Santa Maria di Porto Salvo, Gallico Marina; «Madonna della Montagna», 1922, olio su tela, chiesa omonima di Rosalì e tante altre opere di rilievo.

Artista poliedrico, Letterio Allegra morì il 17 dicembre 1936 all’età di settantacinque anni; era scomparso l’ultimo “santaro” di Reggio Calabria.

Madonna dell'Addolorata

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!