Catona (RC), dipendente comunale arrestato per stalking

Catona (RC), dipendente comunale arrestato per stalking

Carabinieri modena

Carabinieri modena

Nella mattina di oggi i Carabinieri della Stazione Modena hanno sottoposto agli arresti domiciliari Calabrò Francesco, 49 anni, impiegato comunale su esecuzione di ordinanza emessa dal GIP su richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria.

I reati contestati sono atti persecutori, ingiuria, lesioni e detenzione illegale di munizionamento.

Le indagini dei Carabinieri partono agli inizi di settembre 2010 a seguito della denuncia dell’amministratore del condominio in cui vive il Calabrò in via Ciccarello. Quest’ultimo, dipendente dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Reggio Calabria, da diverso tempo era entrato in contrasto con gli altri condomini ed in particolare con l’amministratore, ma da quella che poteva essere una normale controversia di vicinato, si è passati ad una vera e propria persecuzione, in particolare proprio nei confronti dell’amministratore.

All’inizio continue telefonate e sms (più di mille accertati in un breve periodo), poi ingiurie continue,  minacce di morte e di rivolgersi ”ai propri compari”, poi le vie di fatto. In un occasione Calabrò, mentre faceva manovra nel parcheggio condominiale, avendo notato l’amministratore presente poco distante, dopo averlo ingiuriato, l’ha minacciato di morte e subito dopo, mettendosi alla guida del proprio SUV lo ha investito volontariamente in retromarcia facendolo cadere a terra e procurandogli lesioni.

Calabrò si è allontanato subito dopo, incurante del fatto che l’uomo fosse a terra dolorante per l’impatto, mentre un condomino è intervenuto per soccorrere il malcapitato. Proprio a seguito di quest’ultimo grave episodio, la vittima, esausta, si è determinata nel fare denuncia ai carabinieri che hanno avviato le indagini.

L’origine di tale atteggiamento era dovuta a semplici questioni di vicinato: la contestazione di una telecamera di sorveglianza montata dal vicino, problemi nella scelta della ditta di pulizie, questioni di parcheggio, aspetti comunemente presenti nelle problematiche di vita quotidiana, che però, nel caso in questione, era divenute una vera ossessione per l’uomo e degenerate su un piano di aggressività irrazionale, atteggiamento che appare evidente anche dal tono degli sms inviati all’amministratore: “i miei amici di Roma vengono a Reggio e vogliono vederti tu sai già il motivo..” “.. i miei cugini aspettano ancora una risposta”, insomma “amici”, “cugini”, “compari” erano la modalità di risoluzione delle questioni condominiali.

Molte delle telefonate, peraltro, è stato accertato, che venivano effettuate da Calabrò dal telefono dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

La particolare aggressività del soggetto aveva spinto i militari ad effettuare una perquisizione presso la sua abitazione e in quella circostanza erano state rinvenute più di mille cartucce per fucile, 2,6 kg di polvere da sparo ed una carabina illegalmente detenuti poichè lo stesso Calabrò era stato destinatario di divieto di detenzione armi e munizioni.

L’uomo è ora sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!