Anna Giordano ricorda il sorriso dell’amica Elena De Luca

Elena De Luca

Questo post é stato letto 47710 volte!

Elena De Luca
Elena De Luca

Un sorriso, poi un altro, slogan e bandiere nel contorno di una Cannitello colorata e battagliera, ed ancora un sorriso: radioso, gioioso, di quella donna che sembra portarsi il mondo dietro nella sua semplice e serena camminata contro il ponte.

E’ così che ho conosciuto Elena De Luca, la persona che gli amici dicevano che mi avrebbero presentato al più presto perché certi che ci saremmo piaciute. Lo dissero anche a lei, ma nessuno poteva sapere che avremmo fatto da sole, semplicemente con i sorrisi che senza parole né premesse, ci scambiavamo ormai da ore, marciando contro il maledetto ponte.

“Elena, piacere, Anna”. Tutto qui, e da queste poche parole nacque questa breve amicizia che non è finita ieri, quando ha smesso di soffrire per l’ennesimo male incurabile che affligge l’umanità.

Quando se n’è andata, quando siamo rimasti soli in quella stanza ai piedi dell’Etna, l’ho sentita che andava serena sul vulcano amico, quello stesso vulcano che l’aveva ammaliata nel tempo, e che le aveva fatto lasciare Cannitello e quello splendido scorcio sullo Stretto di Messina che ci ostinavamo a difendere dal mostro del ponte.

Le dicevo che aveva un coraggio senza limiti. Un cuore incommensurabile. Aperto al mondo, all’ignoto, ai deboli, delicato anche verso chi faceva cattiverie. Dolcezza e fermezza, indignazione e speranza, lucidità e  intelligenza, amore e solitudine. Abbracci carezze sorrisi e baci, di un amore per la vita come pochi.

Il suolo dei Monti Nebrodi, le acque in quota, e lei, l’Etna, che sembrava scrutarla e chiamarla. Un vulcano che chiamava a sé l’Elena vulcanica che creava e sognava e realizzava, senza sosta, esplosiva, come un vulcano, fertile di idee e amore, come un vulcano. Sorridente. Felice.

Quel tramonto con l’ombra del vulcano che si stagliava sull’amata Calabria, quella piramide gigantesca priva di ostacoli umani su un mare che sembrava solitario, senza di noi, senza tracce del nostro quotidiano inquinare. La volpe non si mosse quando arrivammo all’inizio del sentiero, ci guardava, ed Elena le diede il suo panino, incantata.

Ho sempre sperato nel miracolo. La vedevo combattere un’altra battaglia, la più dura. Un nemico mortale, ancora più illogico di chi vorrebbe fare il ponte, un nemico che non sceglie con attenzione chi colpire, ma prende a caso anche chi ha fatto della sua breve vita, un regalo quotidiano agli altri, donando gioia e amore, dolcezza e serenità.

Rivedo le foto di quei momenti rubati al resto del mondo, passo dopo passo, freddo e silenzio, risate e racconti, commenti e vedute sempre uniche, con Bello, lo splendido cane salvato dal terrore e dalla fame sulla spiaggia di Cannitello, che la segue ammaliato. Amore puro. Reciproco.

Creare, regalare, ed ancora creare. Pensieri e deduzioni, momenti di serenità, confronto, anche emotivo. Nel calore di ogni casa che ha voluto fare sua, nella dimora ai piedi del vulcano da dove vedeva la sua furia esplodere, ammaliata dalla sua potenza che per lei era vita, non distruzione.

Lei era lì, ma stava già andando via, libera finalmente dal dolore e dalle rassicurazioni che tutto sarebbe andato bene. Ci abbiamo creduto, nonostante tutto, a dispetto dei limiti che ancora ha questa umanità che pure continua a sfidare leggi di natura imponderabili, lasciando che una malattia porti via chi doveva ancora donarci la sua infinita bellezza per un tempo infinito, che non è più.

Elena è lì che finalmente scruta dentro il vulcano amico. E vola, vola fino a Dinnammare cercando i falchi che veniva ad aspettare insieme a noi, la cima sul mondo dello Stretto di Messina che amava e che voleva difendere dall’ingordigia disumana.

Ci mancherai maledettamente Elena, anche se sono certa che sei ancora con noi a lottare, e a farci capire che, nonostante tutto, vivere e continuare a lottare  e a crederci anche sorridendo e aprendo il cuore, è il modo più bello per ricordarti a chi non ha avuto la fortuna di conoscere il tuo sorriso, di abbracciare il tuo corpo, di ascoltare i tuoi pensieri. Di assorbire il tuo amore per la vita.

Ci mancherai maledettamente, ma in ogni volo di falco, nel salto del delfino, nel precipitare delle stelle nel cielo infinito come quella notte sull’Aspromonte delle quote più alte, ti vedrò e lotterò anche per te, finchè avrò vita.

Anna

Questo post é stato letto 47710 volte!

Author: Maria Cristina Condello

Maria Cristina Condello ha conseguito la laurea Magistrale in "Informazione, Editoria e Giornalismo" presso L'Università degli Studi Roma Tre. Nel 2015 ha conseguito il Master di Secondo Livello in "Sviluppo Applicazioni Web, Mobile e Social Media". Dal 2016 è Direttore Responsabile della testata giornalistica ntacalabria.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *