Roccella Jonica, Carlo Iannuzzi: “Senza di voi dove sarei?”

Roccella Jonica, Carlo Iannuzzi: “Senza di voi dove sarei?”

Si è svolta ieri, presso l’ex Convento dei Minimi di Roccella Jonica, la conferenza stampa del Comitato “El puente per Carlo”.
Il ragazzo, com’è ormai noto, è stato aggredito e ferito gravemente a Buenos Aires la notte del 27 novembre 2015 riportando un grave trauma cranico, da pochi giorni è rientrato in Italia, precisamente a Roma, dove sta continuando la sua riabilitazione.
I temi affrontati sono stati due: la rendicontazione delle spese finora effettuate grazie alla campagna di raccolta fondi e l’illustrazione della petizione “Libertà di movimento e tutele: un fondo di solidarietà per le vittime di reati all’estero” disponibile sulla piattaforma change.org.
Ad aprire la conferenza il presidente del comitato, Francesco Ieraci, che si è detto orgoglioso del lavoro svolto in questi mesi e dei risultati ottenuti grazie all’aiuto dei numerosi cittadini: “attualmente tutte le spese sono state saldate con i contributi spontanei di singoli e di associazioni, nel momento di massimo splendore del nostro conto corrente siamo riusciti a raccogliere circa 47 000 euro di cui 42 000 sono stati spesi per il saldo delle spese umanitarie presso l’Ospedale Italiano di Buenos Aires, la seconda spesa è stata quella dei biglietti aerei per riportare in Italia la madre e il fratello di Carlo, 9 200 euro.”
Le spese da pagare però non sono finite così come il percorso alla riabilitazione di Carlo risulta ancora lungo e faticoso, attualmente infatti le sue condizioni non sono stabili e si parla di un eventuale intervento di chirurgia plastica ricostruttiva del cranio.
Il secondo intervento è stato quello di Elio Iannuzzi,  fratello di Carlo, che ha illustrato le sue condizioni attuali : “state dimostrando ancora una volta che la nostra famiglia non è sola, le condizioni di Carlo in questo momento non sono stabili, abbiamo però dei miglioramenti, adesso riesce a muovere la parte sinistra del braccio, mentre per quanto riguarda la parte neurologica la situazione è più complicata: le informazioni che riceve la mattina riesce ad elaborarle e tenerle fino alla sera. Al momento si sta valutando la possibilità di sottoporre Carlo ad un altro intervento. Siamo ottimisti, abbiamo avuto molte difficoltà in Argentina a causa della lingua ma adesso in Italia sarà più semplice”.
Riguardo alle indagini in corso Elio continua dicendo: “ho visto il video dell’aggressione in cui si vede il ragazzo che ruba lo zaino e gli averi di Carlo. L’ultima informazione ricevuta è che sono stati identificati i colpevoli e c’è un mandato di cattura”.

Elio Iannuzzi
Grande ammirazione è stata espressa per questo ragazzo di soli 24 anni che improvvisamene si è ritrovato coinvolto in una situazione complicata, ma nonostante ciò si è saputo destreggiare in maniera eccellente tra ambasciatori, senatori e dirigenti.
Francesco Ieraci ha continuato poi dicendo che l’obiettivo di questo comitato non è solo quello di aiutare Carlo ma di far nascere uno strumento di tutela legale per tutti gli italiani vittime di aggressioni all’estero .
In seguito Angelo Nizza, segretario del Comitato, ha introdotto il secondo argomento della conferenza: la petizione. Il caso di Carlo ha evidenziato una falla nel sistema esistente e ha fatto sorgere la necessità di istituire un fondo di solidarietà per le vittime di reati all’estero, fuori dall’Europa, in particolare per le categorie più deboli come i disoccupati e gli studenti senza borsa, verso i quali non è prevista alcuna tutela.
In collegamento da Roma Tommaso Daunisi ha fornito ulteriori chiarimenti e in seguito lo stesso Carlo ha voluto dare il suo personale saluto: “ciao a tutti ragazzi, è un’emozione fortissima, sono molto commosso di vedere tanta gente e di sentirla vicina oggi. Ci tenevo tanto a fare un ringraziamento a tutti, non vi nascondo che alcune volte ho pensato: ma se non ci fossero stati loro io oggi dove sarei e come sarei? “.
L’emozione in sala nel sentire la voce di Carlo è stata grande e si è tradotta in lungo e caloroso applauso.

Carlo Iannuzzi 2
L’incontro si è concluso con il commosso intervento della madre di Carlo che ancora una volta ha ringraziato tutti per la vicinanza ricevuta.

Per firmare la petizione cliccare qui.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!