Melito Porto Salvo, l’Ancadic denuncia

Questo post é stato letto 11590 volte!

Vincenzo Crea
Vincenzo Crea

Vincenzo CREA Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo Torrente Oliveto, con un comunicato pervenuto alla nostra redazione, pone all’attenzione delle autorità competenti la necessità di mettere in sicurezza il muro di sostegno della stazione ferroviaria di Melito Porto Salvo, il cui progetto ha ottenuto da parte degli Enti interessati pareri favorevoli in sede di conferenza dei servizi.

Nella nota il Crea, dopo aver richiamato le precedenti segnalazioni a far data 2 gennaio concernenti  la pericolosità del muro di sostegno lato mare della stazione ferroviaria di Melito di Porto Salvo e del degrado dei tombini idraulici, oggetto di esaustiva relazione tecnica di sopralluogo congiunto del Dirigente del tempo dell’Ufficio tecnico comunale eseguito insieme con  personale della Delegazione di Spiaggia Guardia Costiera di Melito di Porto Salvo e della locale Polizia municipale  e personale di RFI  Direzione Produzione di Reggio Calabria attivati dall’ANCADIC,   ha chiesto al Sindaco, al Dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Melito di Porto Salvo e alla locale polizia municipale, notiziando la Capitaneria di Porto e la Prefettura di Reggio Calabria   un urgente intervento di messa in sicurezza dei tombini idraulici impropriamente utilizzati quali sottopassi pedonali in stato di forte degrado con porzioni di cemento dall’impalcato lato mare  già crollate e altre pronte a staccarsi, così scrive:

“È stata sottolineata la necessità   di intervenire subito con un intervento corticale sulle pareti lato Nord e lato Sud del sottopasso “Checco” per rimuovere le notevoli lastre di cemento che presentano distacchi di intonaco e impedire il transito delle persone nei tombini idraulici utilizzati quali sottopassi pedonali e nell’area di demanio marittimo prossima al muro per tutta la sua estensione come indicato nell’Ordinanza sindacale nr. 01/01/2019 del 04.01.2019 del Sindaco del tempo Ingegnere Giuseppe Meduri e provvedere a rimuovere le notevoli porzioni di cemento pericolanti.”

“Giova ripetere, ha sottolineato il Referente unico Ancadic che sulla spiaggia in prossimità della platea di cemento sottostante al muro di sostegno un po’ dappertutto si riscontrano cumuli di materiali ferrosi e la fuoriuscita di ferri che recano grave pericolo per le persone soprattutto per i bambini e ragazzi specialmente col buio. Il pericolo aumenta dalla fuoriuscita di ferri dalla platea di cemento e dal muro di contenimento altezza bambino alcuni dei quali sporgono e penzolano. Si rischia di rimanere infilzati.”

“La corrosa armatura metallica, ha evidenziato, si è staccata in vari tratti dal muro di contenimento e penzola sulla platea ad altezza uomo, mentre in diversi tratti il cemento della parete si è distaccato e ampi lastroni sono pronti a cadere.”

“Per una diretta lettura ,ha concluso Crea, è stata inviata di nuovo agli Enti competenti la relazione di sopralluogo per la verifica speditiva delle condizioni di stabilità di un muro in c.a.  di contenimento del piazzale della stazione Ferroviaria di Melito di Porto Salvo del 4.1.2019 e verbale di sopralluogo di pari data, unitamente all’ordinanza sindacale dell’1.1.2019.”

Questo post é stato letto 11590 volte!

Author: Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali anche online seguendo il calcio e la Reggina.