A me’ mamma di Pasquale Favasuli. Poesia dialettale calabrese

pasquale favasuli

Questo post é stato letto 15380 volte!

Oh Ddìu grandi, Tu chi mi facisti,

pecchì a me’ mamma prestu T’à levasti?

Mi facisti passari tempi tristi,

quantu piaciri e gustu Ti pigghiasti?

Ca chjanu chjanu chi eu criscìa,

cu’ tanti patimenti chi ‘ncuntrai,

jornu pe’ jornu sulu mi sentìa

pecchì affettu di mamma non trovài.

A mamma esti nu beni assai grandi,

‘u cchjù bellu tesoru veramenti:

girandu pe’ lu mundu a tutti i bandi,

esti ‘na rosa sempri risplendenti;

ma ‘sta rosa pe’ mmia prestu ssiccàu

e u so’ profumu mai canuscìa,

fu comu ‘na fhjumara chi calàu

ed eu mancu ‘na vota acqua mbivìa.

 

Tratto dall’antologia “Vuci Senza Tempu”,

Unione Poeti Dialettali Calabresi

Unione poeti dialettali
Unione poeti dialettali

 

Questo post é stato letto 15380 volte!

Author: Redazione_Cultura