Il giovane tetraplegico Samuele Marina parte finalmente per New York

Dopo una lunga e interminabile attesa, Samuele Marina parte finalmente per New York, dove si sottoporrà ad un operazione che potrebbe finalmente permettergli di camminare sulle proprie gambe.

Samuele è il giovane ragazzo tetraplegico di origini siciliane ma residente a Le Castella, per la quale negli ultimi mesi si è mossa una grande macchina di solidarietà che ha coinvolto un po’ tutti. Grazie a tanti fondi raccolti, aggiunto a quelli che già la famiglia Marina possedeva da parte per quest’operazione, si è finalmente raggiunta la cifra per permettere a Samule di sottoporsi a questo importante e costoso intervento.

Per questo Riccardo Marina e Antonietta Campisi, genitori del quattordicenne, ha voluto scrivere una breve e toccante lettera di ringraziamenti: “Oggi è un giorno speciale per noi, abbiamo finalmente raggiunto la cifra che ci permetterà di operare Samuele e di permanere in America  almeno due mesi e fare la fase di terapia. New York è una tappa importante per Samuele, ci siamo già stati un’altra volta e siamo stati in tanti altre parti del mondo, questa volta però potrebbe essere la volta giusta per realizzare il sogno di vedere il nostro bambino camminare sulle proprie gambe. Per questo non smetteremo mai di ringraziare questa terra per la solidarietà dimostrata. In questi ultimi tempi abbiamo visto cose brutte a Isola, tanti incendi a case, auto, villaggi, per questo ci preme ancora di più sottolineare che Isola, e tutto il comprensorio, non è questo.

Noi abbiamo trovato tanta umiltà, tanta gente per bene, in tanti ci sono rimasti vicini dimostrandoci affetto e regalandoci emozioni”.

La lettera continua entrando poi nei particolari dei ringraziamenti: “Sperando di non dimenticare nessuno vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto: La cooperativa sociale Le Castella, l’Asl di Crotone, le chiese di Pallagorio e San Nicola dall’Alto, i dipendenti del centro Amnic, l’istituto Pertini di Crotone, l’Fc Crotone Calcio e la famiglia Vrenna.

Inoltre un particolare ringraziamento al presidente della Regione Giuseppe Scoppeliti e all’ex sindaco di Isola Carolina Girasole che ci è stata molto vicina, ci spiace non abbia potuto proseguire nel suo lavoro e approfittiamo per augurare al nuovo sindaco Gianluca Bruno un buon lavoro, sperando che si impegni nel sociale come il suo predecessore; Grazie anche all’ufficio dei servizi sociali del comune di Isola Capo Rizzuto e agli assistenti sociali che ci lavorano. Senza nulla togliere agli altri però, l’emozione più grande ci è stata regalata dai ragazzi dell’istituto Comprensorio Giocchino da Fiore di Isola e Castella.

I compagni di classe di Mattia (fratello minore di Samuele) si sono impegnati a raccogliere fondi in ogni modo, si sono proposti anche per dei lavoretti, ai giorni d’oggi non è facile che dei ragazzi si impegnino così per il sociale. Non sapevamo niente di tutto questo, e quando si sono presentati a casa insieme alla maestra Pellegrino per consegnarci ci siamo messi a piangere, è stata un emozione indescrivibile” . La lettera si conclude con una promessa: “Staremo a New per due mesi, sperando siano sufficienti per la fisioterapia, e cercheremo in tutti i modi di farvi sapere gli sviluppi e le crescite di Samuele, in fondo se siamo qui è anche merito vostro”.

Samuele sarà operato il 17 Giugno, poi si fermerà a New York due mesi per la fase di terapia, probabilmente non basterà, al momento però è il massimo si può fare con i fondi a disposizione, se ci saranno altri fondi la permanenza sarà prolungata. Alla fine la famiglia Marina farà ritorno a Crotone, per proseguire il tutto presso centro Amnic.

Category Crotone

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!