Tribunale del Malato: “ASP Cosenza spazio solo per amici non per professionalità”

Tribunale del Malato: “ASP Cosenza spazio solo per amici non per professionalità”

tribunale-malato

tribunale-malato

Leggiamo dai giornali di vicende che, ancora una volta, vedono l’ASP di Cosenza in primo piano per presunte anomalie in appalti relativi ad incarichi affidati a figure professionali poste al fianco dei vertici aziendali. Intanto il Tribunale per i Diritti del Malato che, da anni, denuncia apertamente storture, vizi e difformità rispetto ad appalti e servizi essenziali, come ad esempio il servizio di emergenza urgenza 118, interviene ancora una volta denunciando la grave lacunosa organizzazione del servizio di emergenza.

“L’estate è già iniziata ma nessuna misura di rafforzamento e potenziamento dei servizi essenziali è ancora stata messa in atto; l’intero Alto Tirreno Cosentino è carente dei servizi di emergenza, essenziali per la tutela collettiva, eppure nessuna misura è stata adottata dall’ASP di Cosenza e dalla centrale operativa 118.

È la storia di sempre, si sperperano fondi a tutta carica, a destra e a manca ma si elemosina nello spendere poche risorse che sarebbero essenziali per garantire servizi indispensabili, necessari, vitali e di  massima urgenza vista la stagione estiva già iniziata e considerata la estrema carenza che la zona del comprensorio di Diamante avverte da anni e non solo nel periodo estivo.

Ci sono sempre dietro i soliti meccanismi che portano, pretestuosamente, ad applicare normative europee lì dove sono previste deroghe espresse e applicando le deroghe lì dove non è assolutamente consentito farlo; ci ritroviamo dinanzi a funzionari e dirigenti che percepiscono lauti compensi mensili senza avere contezza delle norme di settore, in modo chiaro e preciso, né delle varie possibilità di applicazione di leggi e regolamenti. – così afferma l’avv. Domenico Oliva coordinatore territoriale per l’Alto Tirreno Cosentino del Tribunale per i Diritti del Malato – Senza contare, poi, che ci sono sempre figli primogeniti e figli di un Dio minore nel partecipare ad affidamenti annuali; alcuni sempre in prima fila, altri neanche convocati. Possibile che non si riesca mai ad offrire ad una popolazione, schiacciata da tasse destinate a garantire servizi essenziali, quegli stessi servizi ben organizzati e professionalmente validi lì dove serve davvero poco? Perché si deve eccellere sempre per approssimazione, disservizio, carenze, sperpero di risorse economiche, anomalie nell’esecuzione di servizi vitali?

Perché non mettiamo medici ed infermieri con una formazione specifica per tale ruolo nella centrale operativa 118 cercando di eccellere garantendo che il soccorso venga gestito da un medico specialista in medicina d’urgenza e non da medici con specializzazioni che poco hanno a che vedere con emergenza e soccorso? Tali medici a che titolo si ritrovano in centrale operativa? Con concorsi, con incarichi, con mobilità interna, con distacco, a giusto titolo o no? Perché non si rende libera la formazione del personale volontario, struttura importante dell’emergenza provinciale, senza che ci si nasconda dietro al paravento della formazione, imposta dall’ASP a costi altissimi per consentire rimborsi a medici e infermieri istruttori che, alla fine, sono gli stessi che ritroviamo in centrale operativa?

Cosa c’è dietro ai corsi e al centro di formazione ASP che opera nel settore? Poniamoci tutte queste domande cercando anche di darci una spiegazione che non sia approssimativa ma che abbia alla base dati di fatto precisi e concordanti. Solo così potremo auspicare un cambiamento e un miglioramento delle cose, di quelle cose che, in fondo, sono nostre in qualità di cittadini.”

Tags Cosenza
Category Cosenza

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!