Lamezia Terme (CZ), al Politeama lo spettacolo “Per non morire di mafia”

Per Non Morire di Mafia_foto di scena

Questo post é stato letto 15720 volte!

Per Non Morire di Mafia_foto di scena
Per Non Morire di Mafia_foto di scena

Martedì 6 e mercoledì 7 marzo 2012, alle ore 21.00, con matinée organizzata in collaborazione con la Stagione Teatro Ragazzi per mercoledì 7 marzo alle 10.30, il Teatro Comunale Politeama di Lamezia Terme presenta la settima  esclusiva regionale con lo spettacolo PER NON MORIRE DI MAFIA, tratto dall’omonimo libro del Procuratore Nazionale Antimafia Pietro Grasso e interpretato da Sebastiano Lo Monaco per la regia di Alessio Pizzech. 

Lo spettacolo, che ha avuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, dopo una trionfale tournée nei maggiori teatri italiani approda sulle scene lametine già amate e frequentate da Lo Monaco nelle stagioni precedenti con Uno sguardo dal ponte di Miller, Il berretto a sonagli edEnrico IV di Pirandello, Otello di Shakespeare.


PER NON MORIRE DI MAFIA
 non è un semplice spettacolo ma assume i toni e i ritmi di una “investigazione interiore” che esplora, scardina, analizza, racconta il pensiero-guida che il procuratore Pietro Grasso dipana e sviluppa ampiamente nel suo libro: “Finché la mafia esiste bisogna parlarne, discuterne, reagire. Il silenzio è l’ossigeno grazie al quale i sistemi criminali si riorganizzano e la pericolosissima simbiosi di mafia, economia e potere si rafforza. I silenzi di oggi siamo destinati a pagarli duramente domani, con una mafia sempre più forte, con cittadini sempre meno liberi .“

L’adattamento drammaturgico di Margherita Rubino è tutto affidato alla sapienza attoriale di Sebastiano Lo Monaco che, sotto forma di monologo, riconduce il teatro alla sua funzione civile ed evocativa mentre la figura dell’uomo/attore diventa sintesi di un’intera comunità che è chiamata a riflettere e a ridiscutere i problemi del presente “non solo con il pensiero ma soprattutto con l’anima”, così come insegna il linguaggio del teatro.

Questo post é stato letto 15720 volte!

Author: Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *