Catanzaro, la mobilitazione degli studienti della Magna Grecia sulla Riforma Gelmini

Catanzaro, la mobilitazione degli studienti della Magna Grecia sulla Riforma Gelmini

Mobilitazione studenti CZ

Martedi 30 novembre 2010 , presso l’aula P , dell’Edificio H del Campus Salvatore Venuta è avvenuta la prima assemblea studenti  che ha visto riuniti gli studenti delle varie Facoltà dell’Ateneo. La risposta è stata molto soddisfacente in quanto l’aula era gremita , e contava quasi 200 studenti. Il dibattito è stato molto acceso ed è stato principalmente centrato sulla Riforma Gelmini. I mediatori dell’assemblea: Molinaro Giuseppe,  rappresentante degli studenti di Med. Veterinaria ed STPA; Damiano Carchedi, amministratore del portale studenti Giurisprudenza.

L’assemblea ha esordito con l’intervento della Dott.ssa Donatella Monteverdi, la quale ha fatto un’introduzione sotto un aspetto tecnico della Riforma. Successivamente ha preso parole Molinaro – Rappresentate degli studenti di Veterinaria – il quale ha illustrato , tramite la visione di alcuni slide e video .  i punti salienti della riforma , spiegando i disagi che subiranno gli studenti . I punti salienti del coinvolgente dibattito hanno centrato tematiche quali l’aziendalizzazione dell’università, la nuova figura dei ricercatori precari, il fondo di finanziamento ordinario ed il “fondo per il merito” definito dagli studenti come un vero e proprio prestito  e come ultimo punto l’aumento delle tasse seguente agli imponenti tagli .

Il testimone è passato poi a Damiano Carchedi – Amministratore Portale Studenti di Giurisprudenza –  il quale ha spronato gli studenti presenti , sottolineando la grave passività dello studente catanzarese attorno ai problemi dell’ateneo . Ha sottolineato che l’assemblea di oggi non deve essere soltanto una semplcie mattinata di chiacchiere ma l’inizio di un percorso costante e costruttivo per la tutela degli studenti e per l’immagine dell’Ateneo Stesso, sottolineando la fondamentale cessazione di opere di distruzione o calpesto nei confronti di chi si adopera nei riguardi del Campus , e l’inizio di un processo di cooperazione volto essenzialmente al risveglio delle coscienze degli studenti e del miglioramento dell’immagine del Campus e del territorio Catanzarese .

Ha marcato il concetto di abbattimento di barriera tra varie Facoltà dello stesso Ateneo e l’assemblea di oggi segna l’inizio di questa nuova epoca, dove non più interessi personali di singole facoltà , ma interessi collettivi dello stesso Ateneo con le Facoltà a lottare insieme per lo stesso obiettivo , perchè fa male che il nostro Ateneo – dotato di una delle migliori didattiche a livello nazionale – abbia un’immagine negativa all’esterno.
Successivamente ha concluso l’assemblea Andrea Porciello , ricercatore Giurisprudenza , il quale ha evidenziato con sottile ironia  le differenze del mondo universitario odierno e di quello del passato ed ha trattato anche il difficile rapporto tra l’Italia ed il mondo della ricerca.

A fine dibattito si sono tirate le conclusioni , facendo fuori uscire che non sarà intrapresa alcuna azione di violenza o disagio per Ateneo e Città Catanzare da parte del gruppo che si è incontrato oggi , in quanto oltre la semplice ora di disagio , non si apporta nulla per contrastare realmente il disegno Gelmini . La nascita nell’imminente futuro di un nuovo movimento studentesco universitario , volto a tutelare a 360 ° lo studente e la vita accademica che gli viene offerta e l’inizio di una serie costante di incontri e azioni da intraprendere. Che sia la voltà buona che l’Umg si risvegli.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!