Oliverio definisce il percorso di contrattualizzazione

Oliverio definisce il percorso di contrattualizzazione

Il presidente della Regione, Mario Oliverio, non ci sta a farsi risucchiare dalle polemiche suscitate da interpretazioni più o meno pretestuose e strumentali che si vanno svolgendo intorno al rinvio della seduta del Consiglio Regionale, avvenuta su richiesta del capogruppo uscente di Forza Italia.

Anche in queste ore, infatti, è impegnato con i dirigenti del Dipartimento “Lavoro” affinchè entro il prossimo 31 dicembre possa essere definito e portato a compimento il percorso di contrattualizzazione di circa 5000 Lsu/Lpu calabresi.

Dopo quasi 20 anni di attese e promesse, migliaia di lavoratori socialmente utili potranno transitare da una condizione di precariato a quella di effettiva occupazione.

La contrattualizzazione a tempo determinato, infatti, alla fine del triennio, attiva il diritto alla stabilizzazione.

L’avvio di tale percorso è stato reso possibile dal fatto che al finanziamento di 50 milioni di euro per la prima annualità, stanziato dal governo nazionale, si aggiungono circa 38 milioni impiegati dall’Amministrazione Regionale.

Oliverio ha curato e seguito personalmente, nei giorni scorsi, presso il Ministero del Lavoro, l’avvio dell’iter attuativo del decreto interministeriale e la relativa registrazione presso la Corte dei Conti.

In queste ore, affinché entro la scadenza del 31 dicembre sia compiuto ogni atto a garanzia del diritto dei lavoratori, si è assunto la responsabilità, con atto monocratico, di destinare a questo scopo, le quote relative ai tre dodicesimi del bilancio regionale e consentire così agli enti locali presso i quali i lavoratori prestano attività, di stipulare i contratti per tutti evitando così discriminazioni e disparità. Possiamo ritenere questa prima concreta azione di governo del presidente Oliverio, esempio di una buona pratica che prende il posto dei vecchi vizi e giochi di palazzo.

Category Attualità

francesca

autore e collaboratore di ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!