Brigantaggio Calabria, evento a Crotone

brigantaggio Calabria

Questo post é stato letto 18440 volte!

Brigantaggio Calabria, evento a Crotone. Si è svolto ieri un importante incontro a Crotone. Tematica principale è stato il brigantaggio in Calabria.

Incontro sul Brigantaggio Calabria

L’evento brigantaggio Calabria si è tenuto nell’Aula Magna del Liceo Classico Pitagora di Crotone. Ed ha visto la collaborazione dell’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano.

Durante l’incontro si è affrontato il fenomeno del brigantaggio Calabria. Erano presenti Cristian Palmieri, Commissario straordinario del Comitato provinciale di Crotone dell’ Istituto per la storia del Risorgimento Italiano. E Giuseppe Ferraro, Dottore di Ricerca presso l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino. Ed inoltre, autore del libro “Il prefetto e i Briganti – La Calabria e l’unificazione italiana (1861-1865)”. Tra gli altri anche il vicesindaco e l’assessore alla Cultura del Comune di Crotone la dott.ssa Antonella Cosentino. L’evento ha visto pure la presenza di una rappresentanza delle classi quarte dell’Istituto. La manifestazione rientra nell’ambito delle attività programmate nel progetto “Classicamente Kr-eativi”. Curato dalle docenti Barbieri e Ripolo. Il progetto mira ad ampliare l’offerta formativa della Scuola attraverso incontri con qualificati e importanti autori.

Il Brigantaggio

Gli studenti hanno ascoltato con attenzione il racconto preciso e puntuale dei due esperti, che hanno affrontato uno dei periodi storici più difficili del Meridione d’Italia, il brigantaggio Calabria. Un periodo storico che nonostante tutto continua ad affascinare. Ma chi erano davvero i briganti? Erano uomini semplici. Magari operai, artigiani, contadini che avevano avuto l’ardire di ribellarsi alla prepotenza ed ai soprusi del “forestiero”.

L’ultimo brigante della Calabria è considerato Giuseppe Musolino, conosciuto anche come “U re i l’Asprumunti”. Anche lui era in realtà un lavoratore semplice. Coinvolto in una rissa, venne ingiustamente condannato a ventuno anni di carcere per colpa di alcuni testimoni falsi. Divenne ben presto un simbolo di resistenza. A lui sono stati dedicati libri, articoli di giornale, film e tanti stornelli popolari.

Un capitolo, quello del brigantaggio Calabria, che continua a rimanere vivo nella memoria di tutti.

Questo post é stato letto 18440 volte!

Author: Maristella Costarella

autore e collaboratore di ntacalabria.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *