SS 106, l’Osservatorio Sicurezza Stradale vuole risposte

SS 106, l’Osservatorio Sicurezza Stradale vuole risposte

“Avanti Tutta”, è questo lo slogan dell’Osservatorio per la sicurezza stradale della SS106 Jonica al termine della conferenza stampa di inizio anno dove è stato tracciato il percorso da fare per l’anno che è appena iniziato.

Presenti per quanto riguarda il direttivo il responsabile Giuseppe Salamone, il referente di zona Gaetano Pace, i consulenti Filippo Oliveto e Carmelo Fedele.
Sono intervenuti anche Don Giovanni Zampaglione, guida delle parrocchia di Marina di San Lorenzo e di Roghudi, il Vice Sindaco di Roghudi Maisano Antonino e Carlo Fiumanò fotoreporter e collaboratore della Pro Loco di Brancaleone.

Parecchi i punti toccati sulla tematica della sicurezza stradale, in modo particolare è stato sottolineato il disinteresse degli enti preposti alla messa in sicurezza dell’arteria, dopo le numerose segnalazioni, dopo la richiesta di un incontro con il Prefetto di Reggio Calabria affinchè si aprisse un tavolo di incontri, di scambio di notizie, di dati utili e fare in modo che le migliorie da apportare siano efficaci e soprattutto immediate, in modo da far si che ogni cittadino che si mette al volante del proprio mezzo come ha sottolineato Carmelo Fedele abbia garantito il sacro e santo diritto di avere le strade illuminate, asfalto a norma, barriere di protezione idonee, segnaletica orizzontale e verticale ben visibile.

L’Osservatorio, ha sottolineato Giuseppe Salamone, passerà ad una azione forte, decisa se da qua a qualche mese non si vedrà l’interessamento degli enti a cui è demandato il compito di eseguire i lavori necessari, già a suo tempo segnalati.

Don Giavanni Zampaglione ha sottolineato anche l’importanza della divulgazione in modo particolare tra i giovani dell’educazione stradale, nelle scuole, in modo da far vedere immagini di incidenti che saranno forti dal punto di impatto visivo, ma essenziali a far capire che dopo una serata in discoteca, al bar, al pub occorre essere coscienti del pericolo che si corre qualora si faccia uso di alcolici, di sostanze stupefacenti, e non si è più capaci di gestire la guida del proprio mezzo.

Il Vice Sindaco di Roghudi, Maisano Antonino si è reso disponibile, vicino all’osservatorio per le future iniziative volte alla collaborazione anche con gli altri amministratori dei Comuni limitrofi, per risolvere questo problema della sicurezza stradale o almeno cercare di intervenite sulle criticità maggiori, tra i quali quella dell’illuminazione dello svincolo di Roghudi-Melito dove nonostante la realizzazione del sotto-passo, ci sono stati incidenti mortali come quello accorso a Raffaele Caserta e qualche mese fa costato la vita a due indiani.

Carlo Fiumanò sempre attento alle tematiche della sicurezza stradale ha sottolineato l’importanza di un censimento di tutte le strade calabresi mancanti delle più normali misure di sicurezza, affinchè si possa intervenire, con una certa tempestività a colmare le lacune esistenti. Il Presidente dell’Associazione “Amici di Raffaele Caserta” e consulente dell’Osservatorio Gaetano Pace, ringraziando tutti gli intervenuti ha messo in risalto che c’è la volontà, la voglia, lo spirito giusto per affrontare questo 2015 e dove tutti saranno partecipi alle iniziative volte a salvaguardare l’incolumità dei cittadini che giornalmente percorrono la SS. 106.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!