Comitato “O.L. Scalfaro“ aderisce a manifestazione ferrovia

ferrovia

Questo post é stato letto 31010 volte!

Il Comitato Nazionale per la Difesa ed il Rispetto della Costituzione “O.L. Scalfaro“ con sede a Melito Porto Salvo, annuncia  la propria convinta e determinata adesione alla manifestazione che si terrà a Marina di San Lorenzo Sabato 23 gennaio c.a. alle ore 15,30, organizzata dal CIUFER, presieduto dal professore universitario Domenico Gattuso e Patrocinata dall’Amministrazione comunale di San Lorenzo guidata dal sindaco dott. Bernardo Russo.

La manifestazione che avrà luogo in prima battuta e simbolicamente, presso il piazzale adiacente della derubata e spogliata, anche dei binari,  stazione ferroviaria a Marina di San Lorenzo e poi proseguirà presso i locali del circolo  parrocchiale che vedrà in prima linea, come sempre nelle problematiche sociali, il parroco don Giovanni Zampaglione.

Quanto accaduto nella ormai, possiamo ben dire ex stazione ferroviaria di Marina di San Lorenzo, dichiara il referente del Comitato per la Costituzione, Mimmo Musolino, è emblematico della volontà da parte del potere dominante  di ridurre questa importante  area geografica del sud della Calabria ad una vera e propria   “riserva” di cittadini emarginati e discriminati.

Si penalizza e depotenzia l’Ospedale di Melito Porto Salvo  che va avanti solo per l‘abnegazione professionale ed umanitaria di tanti medici, personale paramedico ed operativo dei servizi; si chiudono e si depotenziano Uffici pubblici, come la sede dell’‘INPS-INPDAP, il Giudice di Pace, e sarebbe elenco lungo e vergognoso proseguire nelle vicende di abbandono in cui versa questo territorio.

Dopo aver soppresso o depotenziato  i servizi in loco ora si è deciso di limitare anche la mobilità dei cittadini alla ricerca della difesa dei propri diritti  presso le sedi provinciali.

In effetti e considerando lo stato di vergognoso e tragico degrado della SS 106 (sia per quanto riguarda i mezzi pubblici e sia i mezzi   privati)  e il graduale smantellamento della linea ferroviaria jonica è chiaro che i cittadini vengono costretti ad una sorta di “arresti domiciliari“ ed alla rinuncia per consunzione dei loro diritti sanciti dalla, ormai rabberciata e vilipesa Costituzione.

In conclusione  il Comitato per la Costituzione fa appello a tutte le forze politiche e sociali operanti sul territorio  e soprattutto ai cittadini a voler  partecipare compatti alla manifestazione in quanto la scarsa partecipazione potrebbe dare adito alla interpretazione della  accettazione passiva  delle gravissime decisioni  imposte al territorio dal potere dominante.

E sarebbe la fine!

Mimmo Musolino, Referente Comitato per la Difesa ed il Rispetto della Costituzione “O.L. Scalfaro“ di Melito P.S.

Questo post é stato letto 31010 volte!

Author: redazione.news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *