Anziana rapinata a Melito Porto Salvo, tre arresti

Anziana rapinata a Melito Porto Salvo, tre arresti

Anziana rapinata a Melito Porto Salvo (Reggio Calabria): arrestati, nei giorni scorsi, due cittadini rumeni e un cittadino bulgaro.

Anziana rapinata a Melito, la vicenda

Nella serata del 20 luglio scorso, nella cittadina di Melito Porto Salvo, un uomo di origini rumene, con l’aiuto di due complici, ha rapinato un’anziana donna.

La malcapitata stava passeggiando per le vie di Melito, quando l’uomo, dopo averla raggiunta, le ha strappato di dosso una collana d’oro per poi fuggire a bordo di un’auto, un Opel Astra, verso la statale 106.

L’intervento di Polizia e Carabinieri

Dopo l’accaduto, in breve tempo, è scattato il dispositivo di controllo integrato del territorio con un accurato pattugliamento di tutta l’area. Ed inoltre la predisposizione di posti di blocco con lo scopo di rintracciare dell’auto segnalata.

All’altezza del bivio di Annà, una pattuglia della Polizia Stradale ha individuato una vettura sospetta e ha quindi richiesto l’intervento di altre unità in zona per procedere ad un controllo. L’immediata disponibilità di una autoradio della Stazione Carabinieri di Melito P. S. ha consentito di fermare il veicolo. Al suo interno sono stati identificati due cittadini rumeni, un 33enne e un 20enne, e un altro uomo bulgaro, di 30 anni. Durante l’ispezione del veicolo, gli agenti hanno trovato anche la collana strappata all’anziana donna.

L’identificazione

I successivi accertamenti, effettuati presso la stazione dei Carabinieri, con la collaborazione della Polizia Stradale e del Commissariato di P. S. di Condofuri; dove nel frattempo la donna rapinata si era recata per sporgere denuncia, hanno permesso di identificare il rapinatore che è stato riconosciuto dalla donna.

I tre stranieri sono stati associati presso camere di attesa dell’Arma e della Questura da dove, sono stati trasferiti presso il locale Tribunale per l’udienza di convalida dell’arresto.

Il giudice ha quindi, disposto per tutti e tre la detenzione in carcere per il reato di rapina impropria aggravata.