Cocò, un bambino bruciato vivo a tre anni

Cocò, un bambino bruciato vivo a tre anni

Almeno 15 litri di benzina per bruciare il corpo del piccolo Nicola Campolongo, bimbo di tre anni

Il piccolo ha trovato la morte all’interno di un auto a Corigliano, in provincia di Cosenza, insieme allo zio Giuseppe Iannicelli, sorvegliato speciale di 52 anni, ed alla compagna marocchina Ibtissam Touss, di 27. In attesa della conferma definitiva circa l’dentità delle vittime, che arriverà dopo gli esami autoptici, è grande lo sdegno intorno all vicenda che ha colpito la comunità di Cassano allo Jonio, paese delle vittime.

Una crudeltà che non può descrivere e che, ancora una volta, porta alla ribalta il lato negativo della Calabria dove si uccide senza guardare in faccia a nessuno, neanche ad una povera creatura indifesa.

Una vita difficile quella di Cocò che nei suoi tre anni che era stato in carcere insieme alla madre. L’episodio cruento dei corpi bruciati rappresenta soltanto l’ultimo atto di una breve vita ormai terminata. Chissà cosa avranno pensato i killer in quei momenti in cui hanno agito con crudeltà

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Lureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora anche come Digital Content

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *