Il Lungomare di San Lorenzo intitolato al Giudice Scopelliti

Il Lungomare di San Lorenzo intitolato al Giudice Scopelliti

Il Lungomare di San Lorenzo, prima noto come il Lungomare dello Spino Santo, porta oggi il nome di un grande giudice: Antonino Scopelliti.

Consiglio comunale a San Lorenzo

Lo scorso 31 maggio si è svolto il consiglio comunale di S. Lorenzo, presso l’apposita sala delle adunanze di Palazzo Rossi. Due i punti all’ordine del giorno discussi: si è approvato il consuntivo 2018 e inoltre si è deliberato per l’intitolazione del Lungomare della frazione Marina ad Antonino Scopelliti. Il Giudice barbaramente ucciso dalla mafia il 9 agosto 1991 a Campo Calabro. Una scelta voluta dall’amministrazione e che ha avuto il supporto del Tecnico comunale Marco Antonio Sergi. La Giunta Russo intende così ricordare un grande uomo amato in tutta la Calabria. Di conseguenza il “Lungomare dello Spino Santo” sarà ribattezzato.

Gli aggiornamenti sul Lungomare di San Lorenzo

“In merito al lungomare – fa sapere il Sindaco Bernardo Russo – Venerdì 24 Maggio è stata espletata anche la gara e l’aggiudicazione dei lavori di completamento presso la stazione unica appaltante della città metropolitana. Come è noto, il contributo economico per la fine dei lavori del lungomare è stato fornito dai Patti per il Sud e dalla Città Metropolitana. Tante però le vicissitudini che abbiamo affrontato sino ad ora. Non ultima la mia denuncia, fatta il 29 maggio, presso la stazione di Melito di Porto Salvo contro alcune associazioni ambientaliste. Queste ultime, hanno infatti calunniato il mio operato ed hanno creato non pochi disagi all’iter burocratico. Poco tempo fa, gli esponenti di queste associazioni avevano dichiarato che dietro i lavori del lungomare si celassero gli interessi delle cosche. Insinuazioni inaccettabili e ingiustificate”.

Il primo cittadino aggiunge..

Russo continua: “Mi preme ribadire che per il completamento dei lavori del Lungomare si sono avuti tutti i pareri necessari e positivi.  Ritengo inoltre che sia un’opera necessaria per il rilancio del territorio comunale. Essendo un completamento, è volto a definire l’iter procedurale ipotizzato molti anni addietro. La denuncia parte dal mio desiderio di fare chiarezza sulla mia posizione; nonché di difendere l’amministrazione comunale che rappresento. Ritengo anche che sia inaccettabile sentir dire che il Lungomare sia un’opera fuorilegge. E che pertanto l’amministrazione svolge il suo mandato in maniera illegale. A tal proposito, abbiamo chiesto un risarcimento dei danni morali provocati e nell’eventualità che sia accordato, la somma sarà devoluta in beneficenza”.