Reggina, Baroni: Non bisogna abbassare la guardia

Reggina, Baroni: Non bisogna abbassare la guardia

La Reggina, dopo la vittoria sul Pordenone ha preparato la sfida contro la Spal di mister Marino, confortata da una striscia positiva, figlia di un’inversione di rotta. È evidente che il merito, va attribuito al tecnico amaranto, capace di inculcare ai suoi ragazzi, voglia di fare, stimoli giusti e quella mentalità propositiva, connaturata nei suoi concetti ed evidenziata nelle recenti prestazioni. Alla vigilia della gara del Paolo Mazza, Baroni, attraverso i canali ufficiali del club ha parlato dell’andamento del suo undici e del delicato match che l’attende.

IL MOMENTO DELLA SQUADRA

È un buon momento – ha esordito – ma non bisogna abbassare la guardia, rimanendo sempre sul pezzo.

Un messaggio chiaro, quello inviato dal tecnico fiorentino, che non ammette equivoci di sorta.

Questi, ha detto, sono momenti in cui bisogna isolarsi da chi fa i complimenti e continuare a lavorare a testa bassa pensando a fare prestazioni importanti dal punto di vista della determinazione e della voglia. Non dobbiamo arretrare di un millimetro, ma piuttosto fare un passo in avanti. In serie B è possibile fare tanti risultati positivi di fila, ha precisato, ma è molto facile incappare in un periodo negativo. Non possiamo mai sbagliare la prestazione. La squadra è cresciuta, ma proprio per questo non dobbiamo mollare. Ci sono partite ravvicinate e poco tempo per lavorare, ma la crescita non deve mai fermarsi.

NON CI SONO TITOLARI E RISERVE

Leggo le partite cercando di sbagliare il meno possibile. Ci sono gare, ha aggiunto, che hanno strutture precise. Quasi sempre, nella seconda frazione cambiano i risultati, ma non deve sentirsi bocciato chi non parte ad inizio gara. Chi subentra, spesso è determinante e per questo, sto continuando a lavorare nella testa dei ragazzi.

SU MENEZ E MONTALTO

Giudizio netto e sereno il suo, sull’ “Houdini” amaranto.

Jérémy, ha ribadito, per noi è un calciatore importante. Sarà sicuramente della partita, così come Adriano Montalto che ha recuperato. Adesso andiamo incontro a tre partite in una settimana e abbiamo bisogno di giocatori pronti che entrano in campo con determinazione, così come abbiamo visto nell’ultima partita.

SCELTE TECNICHE ED INFORTUNI

Mario Šitum, è completamente recuperato, ma per scelta tecnica non è convocato. Lui è rientrato in squadra giovedì, ho ritenuto di dargli qualche giorno per lavorare dal punto di vista atletico. Gasparetto è fuori per scelta tecnica. Rossi non sta bene, così come Di Chiara. Quest’ultimo, è stato mandato a casa. Valuteremo se portarlo o meno. Faty non sta benissimo. Kingsley, ha avuto un risentimento muscolare e l’abbiamo fermato. 

SUL MATCH E L’AVVERSARIO

Noi dobbiamo pensare a quello che dobbiamo fare: giocare con il piglio giusto e concedere pochi spazi. Servirà, vigore fisico e mentale, per potersi misurare con una squadra importante che mira a centrare uno dei due primi posti, insieme a Lecce e Monza. In rosa, ci sono molti ragazzi che hanno fatto parte di una squadra che è partita dalla C ed è arrivata in A. In serie B, ha concluso, non ci sono partite non giocabili, ma ogni avversario ha insidie e punti deboli.

Al termine della rifinitura il tecnico Marco Baroni ha diramato la lista dei convocati per la trasferta di Ferrara. Di seguito l’elenco completo:

Portieri: Guarna, Nicolas, Plizzari.

Difensori: Cionek, Dalle Mura, Delprato, Lakicevic, Liotti, Loiacono, Stavropoulos.

Centrocampisti: Bianchi, Chierico, Crimi, Crisetig, Folorunsho, Micovschi, Rivas.

Attaccanti: Bellomo, Denis, Edera, Ménez, Montalto, Okwonkwo.