Csi Reggio Calabria, introdotto il cartellino azzurro

di Francesco Iriti

Da oggi in campo dopo un fallo di gioco un atleta potrà vedersi sventolare un cartellino azzurro. Il CSI di Reggio Calabria ha introdotto per le categorie Allievi e under 14 l’uso della sospensione del giocatore di 4 minuti. Decisione sospesa, con il ritorno in campo del giocatore, qualora la squadra in inferiorità numerica subisca nel frattempo un goal. Il Comitato Provinciale si allinea, quindi, alle disposizioni nazionali in materia. La gara tra l’Oratorio Bova e la Fossa dei Leoni di Siderno è stata la prima ad “ospitare” questa novità.  « Crediamo – afferma il presidente provinciale Paolo Cicciù –che il cartellino azzurro possa essere un passo in avanti sia tecnico che culturale. L’espulsione è una misura molto severa e che può condizionare una gara. Infatti spesso induce il direttore di gara a sorvolare su alcuni interventi che meriterebbero una punizione maggiore del semplice giallo. Da qui l’idea dell’espulsione a tempo permette un metro di valutazione più equo ».

Gli arbitri, dunque, hanno un mezzo in più per essere ancora una volta i primi educatori in campo: dalle loro scelte oltre che far rispettare il regolamento, si può condizionare il clima tra gli atleti, con le panchine e anche sugli spalti. Il cartelli azzurro è un passo in avanti, che come sottolinea il presidente nazionale Massimo Achini « pensare che qualcuno si ostina a ritenere il nostro uno “sport di serie B”. Nossignori, quello del CSI è ed è sempre stato uno “sport di serie A”. Dove A sta anche per capacità di “anticipare” i tempi ».

E’ di questi giorni la dichiarazione rilasciata a Calcio Illustrato, il mensile della Lega Dilettanti, dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni, in cui il titolare del Viminale parla di un « Daspo educativo per tenere fuori dai campi i genitori invasati che giocano contro la crescita dei figli e dei loro compagni. Trasformano la passione in pressione. Condizionano in misura irrimediabile l’intero gruppo, anche quei ragazzi che hanno genitori capaci di fare i genitori di uno sportivo ». « È un’idea- sottolinea Cicciù – sana. Troppe volte si vedono nelle tribune genitori esagitati che perdono di vista il vero valore per cui il figlio è sceso in campo, ossia crescere».

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora come Digital Content Marketing in Irlanda.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!