Reggio Calabria, truffa ai danni dell’UE, 15 indagati

arrestato cutrì

Questo post é stato letto 16400 volte!

carabinieri
carabinieri

I carabinieri hanno sequestrato beni per un valore di un milione e 125 mila euro nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria su una presunta truffa ai danni dell’Unione europea in relazione all’erogazione di alcuni finanziamenti.

Nell’inchiesta sono indagate 15 persone, tra cui produttori agricoli dei settori oleario e seminativo ed impiegati di centri di assistenza agricola della provincia di Reggio Calabria. Il sequestro preventivo e’ stato eseguito dal Nucleo antifrodi Carabinieri di Salerno e dai militari del Comando provinciale di Reggio Calabria.

I beni sequestrati, di importo equivalente al finanziamento che sarebbe stato ottenuto illegalmente, consistono in conti correnti, fondi d’investimento, depositi titoli, prodotti assicurativi e beni immobili adibiti ad uffici ubicati a Reggio Calabria. Il provvedimento di sequestro e’ stato emesso dalla Procura della Repubblica di Reggio sulla base della denuncia presentata dai carabinieri. Le persone coinvolte nell’inchiesta sono indagate per associazione per delinquere, frode informatica e truffa.

L’aggressione ai patrimoni illeciti nelle frodi comunitarie è di fondamentale importanza perché in base alla normativa comunitaria l’entità dell’illecito finanziamento sottratto illegalmente al budget comunitario viene posta a carico dello Stato membro almeno nella misura del 50% ma anche oltre se lo Stato si è rilevato inadempiente rispetto agli obblighi comunitari.

Inoltre le azioni di recupero avviate dai Nuclei Antifrodi Carabinieri d’intesa con l’Autorità Giudiziaria sono rivolte anche a tutelare il regime di concorrenza e la libertà dei mercati che risulterebbero alterati dalla condotta disonesta di chi accede illecitamente a finanziamenti comunitari.

Anche per tali finalità presso il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari è istituito il Numero Verde 800 020 320 ed è attiva la casella di posta elettronica ccpacdo@carabinieri.it che gli operatori del settore ed i cittadini possono contattare per ricevere informazioni o fornire segnalazioni.

Per informazioni generali i consumatori possono consultare il sito istituzionale del Reparto sul link http://www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/consigli/tematici/. Per i casi più gravi e urgenti il cittadino può sempre rivolgersi ad una delle oltre 4600 Stazioni Carabinieri diffuse su tutto il territorio nazionale.

Questo post é stato letto 16400 volte!

Author: Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *