Reggio Calabria-Real Casalnuovo 1-2: Al Granillo finisce tra i fischi

Questo post é stato letto 11800 volte!

Granillo ancora avaro e notte fonda per la Reggio Calabria, caduta malamente tra le mura amiche contro il Real Casalnuovo. Gli amaranto di Trocini, hanno subito una amara e vergognosa sconfitta che ha scatenato la sonora contestazione a fine gara della Sud. La squadra dopo essere passata vantaggio, ha messo a nudo una paurosa involuzione di mentalità, che ha spinto il tecnico amaranto nel dopo gara ad assumersi tutte le responsabilità per la clamorosa débâcle.

La partita

I padroni di casa, dopo essere passati ad inizio gara con un tocco morbido di Mungo, si sono fatti riprendere dai campani grazie alle solite pecche del reparto difensivo che ha permesso a Dore, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, di piazzare di testa il pallone dell’1-1 alle spalle di Vercea. Dopo il pari, nulla o poco più per Bolzicco e compagni, incapaci di riprendere le redini del gioco.

Squadra inesistente

Nonostante l’inspiegabile invenzione del calcio di rigore concesso dal direttore di gara – non all’altezza del compito ha consentito agli ospiti perdite di tempo durante l’arco dei novanta minuti più recupero – realizzato dall’ex Sarno con Velcea che aveva indovinato l’angolo di tiro, gli amaranto nel consegnarsi agli avversari, sono letteralmente spariti smarrendo quelle certezze del primo quarto d’ora della prima frazione. Se si eccettua l’unico e solo vero tiro al tramonto del match, verso la porta di Rossi, che si è esibito in uno strepitoso intervento su deviazione da due passi di Bolzicco, i locali sono risultati non pervenuti negli ultimi sedici metri.

Identità smarrita

La compagine amaranto, ha mostrato di non avere una precisa identità, denotando grossi limiti di gioco. Con un centrocampo –  è lì che si vincono le partite – povero di idee ed un reparto avanzato che nulla ha prodotto, è emersa l’involuzione generale dell’undici di Trocini, che non può passare inosservata e che deve far riflettere gli addetti ai lavori davanti all’oggettiva realtà di un campionato dove la squadra dello Stretto non si è mai calata.

Invitabile contestazione

Vibrata a fine gara la contestazione della Sud verso la squadra, i vertici del club di Via Delle Industrie ed in particolare verso Ballarino, mentre davanti ai cancelli della Tribuna Ovest, i tifosi delusi dalle prestazioni della compagine amaranto, hanno chiesto un confronto con la società.

Il tabellino

LFA Reggio Calabria-Real Casalnuovo 1-2 –Marcatori: 7′ Mungo, 20′ Dore, 26′ st Sarno (rig.)

REGGIO CALABRIA (4-3-1-2): Velcea; Martiner (29′ st Barillà), Kremenovic, Girasole, Cham; Salandria (20′ st Bontempi), Mungo, Zucco; Marras (20′ st Marras) ; Rosseti (1′ stProvazza), Bolzicco. A disposizione: Martinez, Ingegneri, Simonetta, Perri, Coppola. Allenatore: Trocini
REAL CASALNUOVO (3-5-2): Rossi; Croce, Sosa, Pezzi; Di Corato (45′ st Camorani), Dore (23′ st Ruggiero), Bonavita, Carnevale (38′ st Buchicchio), Piga; Vivacqua (23′ st Sarno), Reginaldo. A disposizione: Viola, Castellano, Morra, Sgambati, Cannavaro Allenatore: Esposito

Direttore di gara: Piga di Roma 1 – Assistenti: Pancani e Camilli di Roma 1.

Questo post é stato letto 11800 volte!

Author: Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali anche online seguendo il calcio e la Reggina.