Riunito il consiglio comunale a Isola Capo Rizzuto

Riunito il consiglio comunale a Isola Capo Rizzuto

Nell’ ultimo consiglio comunale di Isola Capo Rizzuto che si è tenuto sabato 27 Settembre  si è discusso di bilancio  però  in apertura di seduta  si è anche parlato  delle ultime vicende che hanno visto coinvolto il Sindaco Gianluca Bruno, a seguito delle dichiarazione di un imputato nel processo “Insula”. A questo proposito il consiglio ha espresso solidarietà al primo cittadino, partendo dal gruppo di maggioranza con una nota scritta, firmata e consegnata agli atti. Nel citato documento il gruppo vicino al Sindaco ha sottolineato la puntualità degli attacchi giornalisti sempre a ridosso delle campagne elettorali che vedono il sindaco impegnato direttamente o indirettamente.  Nella nota si precisa anche che la solidarietà non è di circostanza ma il gruppo,   come forza politica, ha da sempre  mostrato sensibilità  comunque e in ogni caso quando ad essere attaccati fossero altri sindaci ed il proprio  territorio. Già tempo fa si ricorda nella nota, un articolo definì i sindaci di Isola corrotti e mangiatori, ciò per elogiare l’operato di un singolo: “In quella circostanza protestammo dicendo che per elogiare una persona non bisognava denigrare tutti gli altri, fummo i soli a farlo, è stato fatto allora e oggi lo facciamo maggiormente vista la vicinanza al Sindaco Gianluca Bruno. Alcuni mezzi di stampa hanno voluto metterci del suo, facendo credere che alcune dichiarazioni abbiano stravolto il processo, ma in realtà non è così, il processo va avanti su quella linea, piuttosto alcuni titoli giornalistici hanno voluto stravolgere a loro modo alcune dichiarazione di uno degli imputati. Il sindaco Bruno non è in alcun modo coinvolto o indagato, sono state dichiarazioni per buttare ancora fango sul paese e su chi amministra. Auspicando che in futuro non si ripetano queste indisponenti e nauseanti atti nei confronti di chi responsabilmente amministra un ente pubblico”. Quindi, sempre nella nota, il gruppo ha respinto qualsiasi illazione e congettura che  chi che sia avesse   voluto attribuire ad alcuni  fatti processuali che non lo vedono in nessun modo coinvolto. In conclusione hanno riconfermato al  sindaco la stima sia come persona sia come politico, dichiarandosi al suo fianco per qualsiasi iniziativa volesse intraprendere nei confronti di  presenti e futuri denigratori. In seguito alla nota stampa della forza di maggioranza si è accodato alla solidarietà anche il consigliere, nonché ex Sindaco, Damiano Milone: Cattive e inopportune strumentalizzazione delle notizie processuali e di una stampa non libera, che pure di vendere qualche copia in più mette alla gogna le persone, noi siamo abituati a questo tipo di stampa.  Questo sistema della speculazione della notizia è un sistema mafioso che serve per delegittimare le persone e ucciderle moralmente e professionalmente. Isola non ha bisogno di questi polveroni, la nostra risposta sta nel lavoro. Porto ad esempio il mio caso, sulla mia amministrazione si è buttato tanto fango, nonostante, ad oggi a distanza di 11 anni,  nessuno dei miei consigliere è stato raggiunto da un avviso di garanzia, la storia di questa città è questa”. Milone conclude poi l’intervento evidenziando la necessità di porre  attenzione  sui poteri che agiscono nell’ ombra che vogliono destabilizzare il comune e chi lo amministra in modo da agire indisturbati.  Invita il sindaco Gianluca Bruno a proseguire nella sua amministrazione producendo atti cristallini perché solo questi sono in grado di qualificare l’agire della persona e del politico. Sulla stessa linea anche gli  altri consiglieri di minoranza presenti, sintetico e duro anche il consigliere Anselmo Rizzo, in forza al gruppo Girasole: “Esprimo pieno solidarietà al sindaco, ritengo che a Isola c’è gente per bene che fa politica, tutte le persone che sono impegnate lo fanno per amore della propria terra. Si cerca di delegittimare il nostro territorio. Qui c’è un consiglio che è stato eletto democraticamente e deve essere lasciato libero di lavorare, se poi c’è qualcuno che agisce nell’ombra per lasciare il potere ai commissari che ce lo dica così nessuno di noi farà più politica ad Isola”.  In apertura invece il sindaco, nelle comunicazioni, ha ricordato al pubblico di aver convocato la conferenza di Pianificazione del Piano Strutturale Comunale per avviare l’iter che porta verso la definizione dello strumento di pianificazione comunale. La conferenza si terrà martedì 7 ottobre alle ore 9.30 presso la Sala Consiliare, sarà aperta al pubblico e presieduta dal Sindaco e dai tecnici. In seguito a questa lunga dimostrazione di unità di consiglio i lavori sono proseguiti con i punti di giornata, 7 dei quali rivolti al Bilancio. Un bilancio proiettato molto verso il sociale e ai servizi alla persona, oltre che alle necessità dei meno abbienti. Il primo dato da sottolineare è senza dubbio l’incredibile mole di lavoro che ha permesso all’amministrazione di evitare un dissesto finanziario quasi scontato, un lavoro fatto sotto pressione della corte dei conti che continuamente chiedeva all’amministrazione, appena insediatasi, chiarimenti e rimedi. Il tutto si è evitato proprio grazie ad un lavoro minuzioso che ha risposto a tutte le richieste e garanzie della corte dei conti, evitando così conseguenze catastrofiche all’economia e allo sviluppo del territorio. Nonostante ciò si è deciso di non aumentare le aliquote per le imposte (IUC) che di fatto vedono invariate quelle già applicate nell’anno 2013, azzerando inoltre le spese per il trasporto scolastico, piccoli segnali che aiutano senza dubbio a migliorare la qualità della vita di ogni singolo cittadino. Approvato poi il piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani dal quale risultano per l’anno 2014 costi complessivi per 2.224.006,00 con un risparmio di circa 160.000 euro rispetto all’anno precedente. Confermate come da 2013 anche l’addizionale IRPEF e la tassa di soggiorno. Inoltre, è arrivato il via libera all’approvazione per le opere pubbliche nel triennio 2014-2016,  una spesa vicina ai 12 milioni di euro. E’ stata attivata una procedura di ricognizione e valorizzazione del proprio patrimonio e infine si è deciso di mantenere le aliquote delle società partecipate Akros, Soakro ed Asmenet. L’ultimo punto ha riguardato invece un progetto di ampliamento dell’illuminazione pubblica in località Capo Bianco, che era stato rinviato nel consiglio precedente e approvato in quest’ultima seduta.

Assenti  alla seduta comunale  i consiglieri di minoranza Angela Muto, Giancarmine Rodio e Carolina Girasole.

Category Crotone, Politica

francesca

autore e collaboratore di ntacalabria.it

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!