Viaggio in Sicilia, ecco il miglior momento per partire

Viaggio in Sicilia, ecco il miglior momento per partire

Con un clima tipicamente mediterraneo, qualsiasi Guida informativa Sicilia vi fornirà sufficienti rassicurazioni sulla possibilità  di trovare il giusto tempo per qualche giorno di relax in questo fantastico territorio. Ma come organizzare la propria vacanza, stagione per stagione?

In linea di massima la primavera (aprile, maggio e inizio giugno) è il periodo migliore per andare in Sicilia in bicicletta o per le escursioni costiere, quando la fioritura è al picco e ci sono tanti eventi enogastronomici da sfruttare. Peraltro, il mese di giugno è  un periodo ottimo anche per le immersioni subacquee. Attenzione solo al periodo pasquale: bisogna infatti prenotare con un buon anticipo se si vuole trovare la combinazione migliore tra lo spostamento e il luogo di soggiorno. Internet può però venirti in aiuto. Per esempio, qui vedi il prezzo del biglietto con macchina del traghetto Villa San Giovanni Messina, mentre sui siti dell’ente regionale per il turismo puoi ottenere altre utili indicazioni.

Ricorda poi che da metà giugno a settembre il clima è tipicamente estivo ma… guai a pensare che tutto ciò che farai in Sicilia sarà abbronzarti sulle spiagge! Il calendario di eventi è infatti ricchissimo, e basta citare ciò che avviene nel teatro greco di Taormina, che proprio durante l’estate ospita vari eventi, concerti di opera e balletto, in uno degli scenari più belli del mondo, per averne consapevolezza.

Evidentemente, si tenga conto che luglio e agosto sono l’alta stagione per la Sicilia, e non solo. I prezzi sono mediamente più alti, e le strade e le spiagge sono particolarmente trafficate. Forse, chi vuole un po’ più di relax, potrebbe puntare a settembre e ottobre, anch’essi ottimi periodi per visitare la Sicilia, quando il tempo e il mare sono ancora caldi ma molti dei turisti sono già partiti. Le temperature più fresche che in estate rendono questo periodo ideale per le passeggiate a piedi e in bicicletta.

E che dire dell’arrivo dell’autunno e dell’inverno? I mesi di novembre e di dicembre sono relativamente tranquilli, ma anche fuori alta stagione sarà comunque possibile esplorare la maggior parte degli antichi siti della Sicilia, anche se molti chiudono presto, costringendovi dunque a organizzare bene le vostre escursioni fuori albergo.

Le temperature calano poi più radicalmente durante i mesi di gennaio e di febbraio, a volte scendendo sotto lo zero nell’entroterra e nelle montagne, con gli hotel e i ristoranti delle città di villeggiatura rimangono prevalentemente chiusi. Anche l’inverno siciliano è caratterizzato da piogge torrenziali, con la maggior parte delle piogge che sono concentrate tra il mese di novembre e quello di gennaio. Entro la fine di marzo, le temperature inizieranno a risalire, e il sole farà compagnia per la maggior parte del giorno, pur senza portare temperature troppo elevate.

Insomma, non c’è un momento migliore in assoluto per visitare la Sicilia, considerato che ogni mese potrà garantirvi tanti vantaggi. A voi la scelta, con l’ovvia considerazione che è sempre meglio cercare di pianificare in discreto anticipo le proprie escursioni!

Tags turismo
Category Calabria

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Lureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicato il libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U. Lavora anche come Digital Content

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *