Il mondo calcio piange Gianluca Vialli

Il mondo calcio piange Gianluca Vialli

Una notizia che non avremmo voluto ricevere: Gianluca Vialli ci ha lasciati.

L’ex attaccante di Cremonese, Sampdoria e Juventus aveva 58 anni e da tempo combatteva contro un tumore al pancreas.

Calciatore, allenatore, commentatore sportivo e dirigente sportivo, Vialli è stato una delle icone del calcio degli anni Ottanta e Novanta in Italia.

Con la Sampdoria ha fatto la storia, in coppia – i «gemelli del gol» – con Roberto Mancini, più tardi riabbracciato in Nazionale come c.t. e lui come capo delegazione.

Un ruolo, che aveva dovuto lasciare il 14 dicembre, annunciando di aver bisogno di dover utilizzare tutte le energie psico-fisiche per affrontare la malattia.

Tantissimi i messaggi di cordiglio di queste ultime ore, tra questi, oltre a quelli dei club di Serie A e quelli fatti pervenire della Lega B e del presidente Balata, è giunto il cordoglio del club amaranto:

La Reggina, profondamente commossa e addolorata, piange la scomparsa di Gianluca Vialli. Il calcio perde un altro straordinario esempio di sportività, gentilezza, simpatia e competenza.

In segno di lutto per la perdita di Gianluca Vialli, oggi la Reggina si limiterà a semplici comunicazioni, senza particolari contenuti sui canali social.

Enzo La Piana

Ha iniziato nei lontani anni ottanta a scrivere di sport, per un breve periodo, per il giornale il "Provinciale". Nel tempo il mondo della televisione lo ha catturato, facendolo appassionare alle riprese televisive, coltivate grazie all'emittente RTV. Prima di approdare su Ntacalabria, ha scritto per altri blog e giornali online seguendo il calcio e la Reggina.