Satira Calabrese Special Edition: “Facce da cimitero”

Satira Calabrese Special Edition: “Facce da cimitero”

Satira Calabrese Special Edition – Facce da cimitero. La rubrica “Cocci ‘i nannàta” di Fortunato Tripodi, questa settimana va infatti on-line con una special edition.

Rubrica di Satira Calabrese Special Edition

La Rubrica di satira calabrese special edition è dunque dedicata alla ricorrenza del 2 novembre, di commemorazione dei nostri cari che, purtroppo, non ci sono più. Cari sì. C’u chiddu chi custa ‘nu mazzu‘i crisantemi…

A tal proposito, segnalo con apprezzamento la lodevole iniziativa di alcuni fiorai, i quali, visti i prezzi dei fiori in questi giorni di visite ai cimiteri ed al fine di agevolare i pagamenti dei clienti, hanno predisposto degli appositi tavolacci di marmo, sui quali il cliente, su richiesta, può farsi asportare un organo a scelta ed ammortizzare quindi i costi da sostenere.

“Scusi, per quel fascio di orchidee?” – “Sono 250 euri oppure un rene…” – “E scusàti, quanti reni avìmu?” – “Due…” – “Nenti di menu, dui?!? Allura cacciàti ‘ddocu… ‘I sciuri su importanti, sinnò poi ‘a genti chi dici?”

Chi incontri al cimitero?

I cimiteri, luoghi silenziosi e solitari durante tutto il resto dell’anno, in questi giorni si animano e, come sempre accade quando un alto numero di individui si concentra in poco spazio, è possibile osservare infatti alcune tipologie “particolari” di persone che, a modo loro, commemorano parenti ed amici che sono passati a miglior vita.
Non che queste persone non provino commozione o dolore nel recarsi laddove si trovano i loro cari, è soltanto che affrontano la visita al cimitero in maniera diversa – a tipu passiàta supr’o Corsu – e sicuramente molto personale.

Satira Calabrese Special Edition – “Facce da cimitero”

Ed ecco che, allora, arrivando al cimitero incontriamo subito la prima “specie”: quelli che fanno tribuna politica o sportiva davanti ai cancelli, appostati all’ingresso del cimitero, ‘a tipu bar.

“Ora ‘ndi dùnunu ‘u redditu ‘i cittadinanza…” si sente in lontananza. “E chi mi ‘ndi futti a mia? Ieu sugnu in cassa integrazioni da Liquilchimica du ’76 e n’autri ‘ddù misi mi ‘ndivaiu in penzioni!”. Ma le discussioni proseguono: “U vidìsti a Salvini? ‘Nci voli dari 5 mila metri ‘i terrenu a cu faci ‘tri figghi!”. Seguono poi una serie di risposte da parte degli astanti: “E non era megghiu ‘na bella cintura ‘i castità dopu tri figghi?”. “Aaah, allura ‘a bonanima ‘i me nonnu Cicciu, TRIDICI figghi (!), nc’avìssiru avutu a dari tutta ‘a Chiana ‘i Gioia Tauru!” fa eco un altro membro della combriccola, al quale segue una lucida analisi politica sugli ultimi vent’anni: “Fannu tutti schifu, destra, sinistra e cinqu stelli: tutti i stessi su’“.

Anche lo sport la fa da padrone in questi improvvisati salotti “culturali” fuori dai cimiteri:

“Sta cazza i Reggina non voli mi si ripigghia!” è la frase più gettonata, oramai un evergreen, visto il trend degli ultimi campionati della compagine amaranto. Anche qui non mancano le approfondite disamine tecnico-tattiche: “Non c’è nenti: si ‘no ‘ccatta un porteri, un difensori, un centrocampista e n’attaccanti non ‘ndisarbamu”. Certo, e si pigghia puru n’allenatori ‘bbonu vincìmu u campionatu.

Il curioso e lo storico

Entrando nel cimitero, possiamo infatti “ammirare” tutta una serie di altri personaggi, per così dire, tipici. Comu‘a nduja ‘i Spilinga.

Prendiamo il curioso, per esempio. È quello che vaga, apparentemente senza meta fra cappelle e loculi. Ogni tanto si ferma, si gratta la testa e dice “Uuuuh, ma eu a chistu u canuscìva! Finu a 20 jorna arretu mi offrìu u cafè ‘o bar! Oh, focu meu! E non seppi nenti??? Comu fu??? Mah, è propriu veru: a vita è ‘na ‘ffacciàta ‘i finestra…”

C’è poi, immancabile, lo “storico”. È quello che si posiziona davanti ad una lapide e, dopo una breve pausa di riflessione, afferma: “Chistu era ‘u figghiu du cumpàri Cicciu Battaglia, ch’era maritàtu c’a cugnata ‘i Pippu ‘u furgiàru, ‘u cuginu i me jènneru. Si non sbagliu aviva ‘bbattiatu puru a me cugina Tota, avìvinu u sangiuanni cu ‘me ‘zza Tita…Eppi tri mugghieri. Iddu murìu e i mugghier icàmpanu tutti… E comu ciangìvinu quandu morìu. Sicuru ‘ncidassàu belli sordi a tutti ‘e tri… ”.

Il critico

Altra figura che non manca mai è quella del “critico”, il quale, passando davanti ad una cappella piuttosto spoglia, senza molti fiori, magari cu ‘ddù irita i purburàta ‘i subbra, dice: “Aaaah, deci figghi e quaranta niputi havi ‘mpari Pepè…e nuddu vinni mi ‘nci porta ‘nu sciuri… Eeeh, è cusì, crisci figghi, crisci porci…”.

Appartiene  alla categoria del “critico” anche il classico soggetto che, in prossimità di una tomba sfarzosa e ricca di ornamenti floreali, afferma: “Aaah, quand’era vivu no spiàvinu mai a so’ patri, e ‘nci ‘ndi ficiru passàri i tutti i culuri, ‘u maru. E ora ‘nci pòrtinu u sciuri… Aaah, non c’è nenti…”.

Gli altri incontri:

Non manca mai nemmeno il “polemico”: “Aaah, ogni annu è sempri ‘cchiù lordu ‘stu cimiteru! ‘Na ‘zzimba è! ‘U sindacu non faci nenti! ‘Mmanca puru l’acqua mi ‘nc imintìmu ‘ddù sciuri a mammà… E Comu avim’a fari???”

E chiudiamo adesso la nostra breve rassegna con il gossip. Ebbene sì, anche nei cimiteri c’è l’angolo del gossip: “U vidi a chiddu??? Chiddu si tiniva a figghia i Micu ‘u buccèri, Pina. Idda era maritata cu Giuanni ‘u funtaneri. Infatti ‘Nci ‘ndifici corna…”

Ce n’è poi uno – e giuro che è l’ultimo davvero – che li comprende tutti, lo “sbadato”: quello che arriva al cimitero e si fa un’ora di discussione su politica e calcio (e puru fìmmini, ma sulu si non c’è ‘a mugghièri), gira poi fra le cappelle apparentemente senza meta, solo per notare come sono (o non sono) “addobbate”, ricostruisce anche gli alberi genealogici di interi paesi, partendo da Petrapinnata ed arrivando fino a Terreti, e poi uscendo dal cimitero, quando ormai è già sulla propria macchina, sospira poi dicendo: “Mannaia la ‘bbandèra, mi spirdìa mi passu ‘da ‘zza Coppulina ‘da sbarra, a bonanima mi vuliva tantu beni… mi ‘ndi mangiài pruppètti ‘nti idda… Eh, mannaia…”.

Per concludere..

C’è anche questo nei nostri cimiteri, e ve lo abbiamo voluto raccontare perché forse è anche giusto provare a sdrammatizzare il rapporto con il dolore per i nostri cari che ci hanno detto arrivederci.

In fondo, siamo tutti di passaggio…

 

Leggi anche: Satira Calabrese, quarto numero.

satira calabrese special edition

satira calabrese special edition

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *