Secondo piatto: Pollo con peperoni

Secondo piatto: Pollo con peperoni

Oggi lo chef Piero Cantore ci vuole propoporre il Pollo con peperoni, piatto tipico dei Castelli Romani, da lui rivisitato.

“Devo essere sincero. Per la prima volta ho provato questo piatto presso i Castelli Romani in una piccola trattoria. In un primo momento la cosa un pó mi aveva stranito. Abbinare una carne bianca leggera non troppo corposa in bocca con i peperoni abbastanza pesanti e corposi con un gusto abbastanza deciso.
Fu cosí che lo provai. Vi devo dire che era proprio buono il tutto si legava perfettamente proprio un piatto gustoso. Per questo che voglio proporvelo se con una mia rivisitazione.
Io preferisco usare per questo piatto le cosce di pollo e cambiare con i peperoni cornetti tipici della calabria. Aggiungendo anche le melanzane e le zucchine cosi da creare del pollo con alla caponata di verdure”.

Come sempre partiamo dagli ingredienti per 4 persone
4 cosce di pollo compresa la sovra-coscia
100 gr di peperoni a cornetto
20 cl di vino bianco
100 grammi di zucchine tagliate a filetti
100 grammi di melanzane tagliate a filetti
300 grammi di polpa di pomodori
sale e pepe nero q.b.

Pollo con peperoni

Scopriamo come preparare questa buona ricetta. Lavate le zucchine e tagliatele a striscioline di media grandezza. Fate la stessa cosa con le melanzane e i peperoni. Mi raccomando ai peperoni cornetti levate la parte interna con i semi.
Mettete un filo di olio in una pentola antiaderente e disponeteci le cosce del pollo. Fatele rosolare a fuoco vivo per circa 10 minuti sia da un lato che dall’altro.

Salate e pepate e aggiungete il vino bianco e lasciate sfumare il tutto a fuoco vivace. A questo punto dopo che il vino sia ben evaporato aggiungete le melanzane, le zucchine e i peperoni. Continuate la cottura a fuco moderato per circa 30 minuti amalgamando bene il tutto.
Passato il tempo, aggiungete la polpa di pomodori con un pò di acqua e lasciate cuocere sempre a fuoco moderato per un periodo di tempo compreso traa 45 minuti ed un’ora. Il tempo puó variare in base alla grandezza delle cosce; più sono grandi e più tempo ci vuole.

A questo punto prendete 4 piatti di portata e inserite una coscia per ogni piatto. Aggiungetegli sopra la nostra caponata e il piatto é pronto per essere degustato. Mi raccomando che sia ben caldo. Cosa importante e giusta con questa ricetta é che é d’obbligo la scarpetta.

Per quanto riguarda i vini italiani, questo piatto si abbina bene con un rosso. Essendo un piatto abbastanza grasso e corposo in bocca, c’è bisogno di un fino tannico e sapido cosi da preparare la bocca per ogni boccone io consiglio un rosso dei castello romani.

Francesco Iriti

Storico Direttore di www.ntacalabria.it e di italianianimondo.it, é giornalista pubblicista dal 2008. Lureato in Scienze della comunicazione, ha di recente pubblicatoil libro " E' un mondo difficile". Ecco il link per acquistarlo http://amzn.to/2lohl4U

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *