180 mila calabresi emigrati in 15 anni

180 mila calabresi emigrati in 15 anni

180 mila calabresi emigrati in 15 anni: il dato emerge dal Rapporto annuale sull’economia locale realizzato dall’Istituto Demoskopika.

180 mila calabresi emigrati in 15 anni, i particolari

Dal rapporto annuale sull’economia locale realizzato dall’istituto Demoskopika per conto della Banca di Credito Cooperativo Mediocrati è emerso che oltre 180.000 giovani calabresi hanno lasciato la loro regione, negli ultimi 15 anni. Uno su due ha scelto il nord Italia ed il 15,8% l’estero.

Tra i laureati quasi in 60 mila sono emigrati. Tendenzialmente lasciano la Calabria i giovani sotto i 35 anni, perlopiù di sesso maschile e laureati, magari anche con un dottorato di ricerca.

“Rispetto all’età – rende noto Demoskopika – quasi due terzi dei flussi migratori interni ed esteri, il 62,4%, si colloca nelle le fasce più giovani fino ai 34 anni (in totale 182.262); il 27,1% ha interessato le classi 35-59 anni (79.251). Mentre una consistenza minore (30.433) è relativa alle fasce di popolazione più anziana degli over 60 anni, il 10,4%. Più della metà dei flussi di popolazione emigrata durante il periodo 2002-2016 (il 50,8%, in totale 148.267 persone) possiede un livello di istruzione medio-alto”.

L’ultima indagine portata avanti dall’Istat sulla condizione professionale dei laureati conferma le difficoltà dei giovani a inserirsi nel mondo del lavoro. In particolare per i laureati che risiedono o dimorano nel Sud Italia le difficoltà sono maggiori. In testa a questa classifica c’è la Calabria. Dietro, le altre regioni del Mezzogiorno: Molise (36,3%); Basilicata (35,3%); Sicilia (32,8%); Puglia (29,2%); Campania (28,4%); Sardegna (25%) e, infine, Abruzzo (22,7%).

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *