Vicenda ospedale di Reggio, interviene Zavettieri

Vicenda ospedale di Reggio, interviene Zavettieri

La vicenda del “carton-gesso sanitario” usato all’ Ospedale di Reggio Calabria, ha riacceso l’attenzione sulla sanità calabrese. Sulla vicenda si è espresso Pierpaolo Zavettieri.

Vicenda ospedale di Reggio Calabria e i problemi della sanità reggina

“La Ribalta nazionale per la vicenda del “carton-gesso sanitario” – afferma Zavettieri – sta suscitando da un paio di giorni il coinvolgimento e lo sconvolgimento dell’intera opinione pubblica. Questa occasione pertanto diventa preziosa per ribadire responsabilità ed eventuali soluzioni per la sanità reggina.

Infatti, in tutto il “Can-can mediatico” (molto utile se ben canalizzato, distruttivo quando strumentalizzato) in cui ci troviamo da un paio di giorni; nessuno ha detto che la progressiva spoliazione degli ospedali satellite dell’ASP – RC ha avuto come diretta conseguenza il sovraccarico insostenibile di accessi e prestazioni presso gli Ospedali Riuniti di Reggio C. (ahimè non solo in un reparto)”.

Le responsabilità

“Non uno, in questa vicenda, che abbia parlato delle responsabilità organizzative e gestionali dell’ASP dell’ex provincia. Prima responsabilità fra tutte il mancato reclutamento di personale previsto nei decreti commissariali. Una situazione che ha portato al collasso pressoché di tutti i nosocomi. La diretta conseguenza è, che a farne le spese sono sempre i cittadini.
Parlando invece di trattamento ortopedico; nessuno ha evidenziato che la limitazione organica è strumentale per l’ospedale di Locri e ancor di più la chiusura del reparto di ortopedia di Melito Porto Salvo (presentata dall’azienda come temporanea ormai da settembre 2017, sic!) hanno letteralmente sommerso l’Hub reggino.
La domanda che da un anno ormai urliamo alla luna è: Come si può chiudere un reparto temporaneamente ma in modo indefinito”.

Conclusioni

“Non una persona – continua – fra i maggiori esponenti della politica e della società civile a lottare per la riduzione dei servizi in tutti i reparti previsti dall’atto aziendale. I soli provvedimenti della magistratura inquirente che si registrano sono (…oltre al danno la beffa!) solo a carico di alcuni “giapponesi-ingenui” che hanno manifestato pacificamente per reclamare il diritto costituzionale alla tutela della salute.

Da ultimo il clamore nazionale su questa vicenda dovrebbe essere riequilibrato sia da provvedimenti immediati in campo sanitario, attuati dal cosiddetto governo del cambiamento; sia dalla concessione di spazi di promozione sui media nazionali equivalenti al caso “cartongesso”; anche per le innumerevoli attività positive che pure esistono poiché la Calabria è anche altro!”.

Multimag Comments

We love comments

1 Comment

  1. rina larizza
    Reply agosto 01, 23:10 #1 rina larizza

    Vero è che i nostri politici parlano ..a rimorchio di notizie deleterie per la nostra regione.Ma tutti insieme,fare un richiesta seria in sede nazionale o regionale,sulle sorti della sanità pubblica?A melito,in pronto soccorso non si può fare una radiografia,mandano a Locri…o qualche studio privato magari convenzionato-Provato personalmente qualche settimana fa.

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *