Museo Garibaldino Melito P. S. abbandonato. Perchè?

Museo Garibaldino Melito P. S. abbandonato. Perchè?

Museo Garibaldino Melito Porto Salvo in stato di abbandono. Di seguito pubblichiamo la nota di Chiara Tropea – già presidente dell’associazione “Amici del Museo Garibaldino”.

Museo Garibaldino Melito Porto Salvo tra erbacce e sterpaglie

“Rovi. Sterpaglie. Erbacce. E tanto silenzio.

Mi ero affidata proprio a questo silenzio affinché, da solo, fosse sufficiente a manifestare il totale abbandono del Museo Garibaldino. Gestito dall’associazione da me presieduta per circa 2 anni l’opera museale, seppur tra mille sforzi e difficoltà; aveva preso vita e trovato una sua identità non solo come testimonianza storica ma anche come punto di interesse culturale; accogliendo ed ospitando eventi di varia natura.
La velocità con cui è stata richiesta la restituzione della struttura, l’urgenza di riappropriarsi degli spazi da parte dell’Amministrazione comunale non appena si fu insediata, mi aveva fatto pensare che vi un’idea alternativa, un progetto o qualunque altra soluzione in grado di portare avanti il Museo garantendone l’apertura e la sopravvivenza.
Ed invece solo abbandono, erbacce, ruggine”.

Mancato rinnovo della convenzione

“Ancora oggi, mi interrogo sulle ragioni di tanta urgenza. Mi chiedo quali fossero – se mai ci siano state – le idee che giustificavano l’urgenza da parte del Comune nel mancato rinnovo della convenzione; senza peraltro addurre alcuna motivazione o muovere qualche contestazione all’operato dell’associazione.
La gestione degli “Amici del Museo Garibaldino” aveva favorito l’apertura regolare della struttura ai visitatori; la presenza degli alunni delle scuole del comprensorio; l’interazione con altre associazioni locali. Situazioni tutte che contribuivano a mantenere vivo uno spazio che oggi è letteralmente morto.

In passato, gli obiettivi delle macchine fotografiche erano diretti a catturare documenti e testimonianze dello sbarco garibaldino o dei relitti restituiti dal mare di quella nave Torino; sempre in attesa di essere recuperata e collocata proprio nello spazio dedicato all’interno il museo”.

“All’incuria e alle intemperie il compito di commemorare quello che fu il Museo Garibaldino”

“Oggi, le fotografie – come si vede dai recenti articoli di stampa – immortalano solo sterpaglie, crepe, cancelli sbarrati e una scritta “Museo Garibaldino” che può solo stimolare il ricordo di un preciso momento storico senza poterlo raccontare.

Proprio quando il nostro paese è stato testimone di un importante episodio accaduto durate la costruzione dell’Unità d’Italia; proprio quando le nostre strade sono state attraversate da quei “mille”, portatori dello spirito risorgimentale, comandati dall’eroe dei due Mondi; si è persa ancora una volta l’occasione di celebrare e dare risalto alla nostra storia e alle sue vittime lasciando all’incuria e alle intemperie il compito di commemorare quello che fu il Museo Garibaldino”.

 

Museo Garibaldino Melito Porto Salvo

Museo Garibaldino Melito P. S.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *