La Candida Neve

di Salvatore D’Aprano

Scende dal firmamento

accompagnata

dalla musica del vento,

cristallina e lieve,

la candida neve.

Come portentosa fata

tutto muta al suo passaggio

e fa della misera contrada

un fiabesco paesaggio.

Nevica sulla siepe,

nevica sul prato

sulla casa di Dio

e su quella del peccato.

Nevica sulle tombe

del mesto cimitero

e sui passati fasti

del vecchio maniero.

Sui gelidi tuguri

screpolati e senza sole,

sulle sontuose ville

inondate dal tepore.

Nevica sulle ingiustizie,

nevica sul dolore,

sull’effimera gioia;

nevica sullo squallore.

E continua a cadere

cristallina e lieve

la candida neve.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *