Striscia la notizia al “Tiberio Evoli” di Melito

Striscia la notizia al “Tiberio Evoli” di Melito

Striscia la notizia al “Tiberio Evoli” di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria). Ancora ombre sulla sanità calabrese.

Striscia la notizia al “Tiberio Evoli”, il servizio

Dopo i servizi de “Le Iene” che hanno fatto luce sulla triste situazione sanitaria calabrese, ed in particolare degli Ospedali di Locri e Polistena; anche il tg satirico di Mediaset, Striscia La Notizia, condotto dai due comici siciliani Ficarra e Picone, ha mandato in onda un video che riguarda l’attuale stato dell’ospedale “Tiberio Evoli” di Melito Porto Salvo, in provincia di Reggio Calabria.

Nel breve servizio trasmesso lo scorso sabato, viene riassunto lo stato di degrado in cui versa il nosocomio. L’inviato Luca Galtieri mostra una struttura in completo abbandono, l’obitorio non operativo e gli ascensori non funzionanti. Gli attuali medici e infermieri sono costretti a lavorare in situazioni davvero difficili. Poche settimane fa, il blitz dei Sindaci di Melito e Condofuri testimoniava inoltre la totale assenza di controlli.

Il commento di un ex primario del reparto di ginecologia, il dott. Pasquale Baccellieri, fa riflettere ancor di più: “Ho lavorato qui per 40 anni – ha dichiarato. Oggi non ci sono più le condizioni per garantire la sicurezza degli operatori e dei pazienti”.

Nel servizio si racconta anche di un Ospedale costruito a Gerace e mai entrato in funzione. La struttura è stata messa in piedi quasi 10 anni fa.

Sanità calabrese

Ancora ombre sulla sanità calabrese. Solo poche settimane fa è arrivato lo scioglimento dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria per infiltrazioni della ‘ndrangheta. Una scelta che è giunta dopo la visita del Ministro Giulia Grillo a Locri e Polistena. Il Ministro aveva già preannunciato questa misura in conferenza stampa, illustrando la messa in atto del c.d. “Decreto Calabria”.

Leggi anche: Interpellanza On. Tripodi su Ospedale “Tiberio Evoli”

Leggi anche: Ospedale di Melito, urge messa in sicurezza

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *