Veleni nelle acque, controlli anche in Calabria

Veleni nelle acque, controlli anche in Calabria

Veleni nelle acque: 63 persone denunciate dopo una vasta operazione del Comando per la Tutela ambientale. I controlli e le indagini hanno interessato le regioni Campania, Calabria, Basilicata e Puglia.

Veleni nelle acque, denunciate 63 persone

Una importante operazione dei carabinieri del Comando per la Tutela ambientale ha condotto alla denuncia di 63 persone. L’operazione è stata finalizzata al contrasto all’inquinamento idrico con particolare riferimento ai processi di depurazione delle acque reflue industriali. I serrati controlli e le indagini hanno interessato le principali regioni del Sud: Campania; Calabria; Basilicata ed anche la Puglia.

I denunciati all’ A. G. sono titolari, amministratori e gestori di aziende. Questi sono ritenuti responsabili di inosservanza o assenza delle previste autorizzazioni agli scarichi di tipo industriale. La violazione prevista dal Codice dell’Ambiente prevede anche l’arresto da due mesi a due anni o l’ammenda da millecinquecento a diecimila euro.

Le indagini

Le indagini dei carabinieri si sono avviate anche grazie a segnalazioni di cittadini, nel mirino aziende attive nei settori delle materie plastiche, chimiche; ma anche, di produzione di materiale ferroso, officine meccaniche, autolavaggi nonché alberghi e plessi ospedalieri pubblici o privati.

I controlli – hanno reso noto i militari – hanno consentito di accertare sversamenti illegali, spesso di sostanze altamente inquinanti e tossiche nelle fognature pubbliche; in canali di scolo o nei casi più gravi in mare, fiumi o torrenti.

I sequestri hanno superato i 5 milioni di euro e riguardato condotte di scarico; vasche di deposito reflui; pozzi. Ma anche interi impianti di produzione ed aziende, di cui è sospesa temporaneamente l’attività.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *