La letteratura del web è un diario a cielo aperto: parla “La regina della  Litweb”

La letteratura del web è un diario a cielo aperto: parla “La regina della Litweb”

Ippolita-Luzzo

Ippolita-Luzzo

La Litweb  (letteratura del web) nasce da un’idea  del cosentino Bruno Corino,  laureato in Filosofia, che volge tutta la sua attenzione  al fenomeno dell’espansione della scrittura nei siti letterari sul web. I siti letterari sono luoghi nei quali ognuno può postare, cioè  presentare i suoi scritti, comprensivi di  poesie, racconti, articoli, ed altro, sui quali il lettore  può lasciare  un commento.

La nuova forma di scrittura ha dato origine ad un moltiplicarsi di autori  che, con blog,  book, e con l’opportunità di stamparsi un  libro da soli, ha dilatato la letteratura nel mondo. «Ora scrivono tutti» afferma la professoressa Ippolita Luzzo, denominata la Regina della Litweb, riferendosi a Pasolini secondo il quale «la scuola, dando a tutti le abilità di base, avrebbe illuso chiunque di poter essere uno scrittore. Illusione amplificata dal web». Incuriosita da questo mondo letterario virtuale e avendo osservato il fenomeno  sia all’esterno che all’interno, la professoressa  Luzzo ha incominciato a porsi tante domande sia sul divario  tra realtà e virtuale, sia  sull’ esigenza di scrivere per essere visibili con le proprie opere. «

Questa letteratura – dice la professoressa Luzzo – è un diario a cielo aperto, a volte pregevole, a volte infarcito di errori grammaticali e contesti puerili. Ma chi nel virtuale deciderà se un testo è pregevole o no? E può essere un click in più o in meno su “mi piace”  a sancire il successo ad un lavoro? Senza pensare che il Click, a volte, è fatto  soltanto con leggerezza o legato ad un  futile narcisismo». Le pungenti domande non sono state  accettate sempre dai fruitori dei siti infastiditi dalla richiesta di riflettere  su ciò che viene scritto.

«La scrittura – prosegue la professoressa – non è semplice. Ha bisogno del “ labor limae” , di un continuo arricchimento del lessico  sempre nutrito da molte letture e tanto studio». La professoressa sul suo blog periodicamente riflette ed analizza i fenomeni del virtuale e quello dell’espansione del letterario. Il suo blog, ironicamente chiamato “ La regina della Litweb”, aperto nell’ambito di un progetto più vasto dell’ “Etoanalisi” di Bruno Carino, ha già un anno di vita, pubblicato anche da Socialnews Tiscali, ed  è seguito da oltre 300 persone al mese e quindi cliccato 10 mila volte.

Sono pochissime per il web ma moltissime per la professoressa che ha alcuni lettori fedeli e partecipi. D’altronde bastano pochi lettori attenti affinché venga sempre il desiderio di parlare con l’altro. «Pier Paolo Pasolini – continua la regina della Litweb – negli “Scritti corsari” parlava solo con Gennariello, Manzoni si rivolgeva solo a 4 o 5 lettori, io mi rivolgo  ai miei nick (anonimi) di cui rifiuto la non conoscenza perché anche i  lettori del virtuale sono esseri umani e perciò hanno un nome e una propria identità». Il web, nonostante ancora non sia accolto favorevolmente da tutti, tuttavia offre l’opportunità  di superare  l’isolamento culturale, di intraprendere le relazioni senza confini tra le menti degli uomini e rendere concreto ciò che sembrerebbe impossibile.

Lina Latelli Nucifero

Category Catanzaro

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *