Ogr di Saline, i dipendenti si ritrovano dopo 25 anni

Ogr di Saline, i dipendenti si ritrovano dopo 25 anni

Ogr di Saline, i dipendenti si ritrovano dopo 25 anni per celebrare la ricorrenza, tra immagini video e vecchi articoli di giornale.

Un tuffo nel passato

Sessanta ex dipendenti delle Ogr di Saline Joniche si sono ritrovarti, dopo 25 anni, in un noto locale della zona, a rievocare con immagini video i momenti ormai trascorsi. Una ricorrenza che, hanno voluto festeggiare tutti insieme, memori delle grandi aspettative che si presentavano davanti a loro. Dopo aver superato il concorso pubblico si apriva un nuovo futuro da riscrivere.

L’incontro, organizzato da Francesco Meduri, ha visto una ricca partecipazione. I dipendenti infatti, sono giunti da ogni parte della Calabria: da Paola, Rossano, Cosenza, Crotone, Catanzaro e da diverse zone del territorio reggino. Ad arricchire l’appuntamento anche la presenza di uno degli istruttori del corso, giunto appositamente da Firenze per rivedere gli ex allievi. Per celebrare ancor più degnamente la serata, tutti i partecipanti hanno ricevuto una spilletta in ricordo del quarto di secolo passato.
Ma si è vissuto anche un momento dedicato alla commemorazione. I presenti hanno infatti ricordato i colleghi Roberto Nucera e Francesco Licastro, prematuramente scomparsi.

Le Ogr di Saline Joniche oggi

Il sogno industriale di Saline Joniche è svanito completamente nel 2001, quando, dopo un accordo di programma tra D’Alema ed i sindacati nazionali di categoria, le Ogr furono chiuse in maniera definitiva. Federservizi ha provato la vendita spesse volte, ma l’esito non è mai stato positivo.

Tutto aveva avuto inizio negli anni Settanta, quando Nello Vincelli, il sottosegretario ai trasporti dell’allora governo Colombo, aveva indotto le Ferrovie dello Stato a scegliere Saline per la nascita di questo poderoso impianto. Il progetto iniziale prevedeva l’assunzione di mille operai, ma non si arrivò mai a superare le 200 presenze.

Nonostante oggi le Ogr siano del tutto abbandonate, per molta gente hanno invece rappresentato un sogno che sarebbe potuto avverarsi.

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *