Cosenza, Consiglio Provinciale aperto in sessione straordinaria

Cosenza, Consiglio Provinciale aperto in sessione straordinaria

Mario Oliverio

Mario Oliverio

Come ampiamente annunciato nei giorni scorsi dal presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio, dopo la sospensione simbolica di protesta durata trenta minuti dell’ultima seduta del Consiglio Provinciale di Cosenza, oggi alle 10.30 il Consiglio Provinciale tornerà a riunirsi in sessione aperta straordinaria urgente con all’ordine del giorno un solo punto: iniziative per scongiurare la soppressione del tribunale di Rossano decisa dal Governo-Monti.

Alla massima assise provinciale sono stati invitati i sindaci di tutto il territorio provinciale e, in particolare, di Rossano e della Sibaritide, i rappresentanti delle forze sociali, sindacali, culturali ed imprenditoriali, gli avvocati e i magistrati dei fori di Cosenza, Castrovillari e Paola.

“La decisione assunta dal Governo nazionale di sopprimere il tribunale di Rossano –ha detto Oliverio illustrando l’iniziativa assunta- rappresenta un errore gravissimo e non può essere assolutamente condivisa e accettata. Noi ci batteremo con tutte le nostre forze perché venga immediatamente modificata e rivista. Essa, tra l’altro, non ha tenuto in nessun conto le posizioni assunte nei mesi e nelle settimane scorse da tutte le maggiori istituzioni provinciali e regionali e da tutti i principali attori politici e sociali operanti sul territorio della Piana di Sibari e ha mortificato una precisa volontà del Parlamento italiano, espressa nelle Commissioni Giustizia della Camera e del Senato a larghissima maggioranza”.

 “Il Tribunale di Rossano –ha aggiunto Oliverio- oltre a poter contare su un’antica e gloriosa tradizione, costituisce un sicuro presidio di legalità e di amministrazione della giustizia per un territorio vasto, crocevia di traffici leciti ed illeciti e di relazioni commerciali, economiche e sociali importantissime e, come tale, non può essere cancellato dalla sera alla mattina, come se niente fosse. Il suo carico di lavoro, come è emerso, tra l’altro, dalle statistiche inviate al Ministero della Giustizia, al Csm e alla Corte d’Appello di Catanzaro, è davvero notevole e ciò ne giustifica ampiamente l’esistenza”.

“Per quanto ci riguarda -conclude Oliverio- non ci arrenderemo e ci opporremo con tutte le nostre forze alla volontà del Governo”.

Category Cosenza

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *