La minoranza grecanica in Calabria

La minoranza grecanica in Calabria

Dopo l’approfondimento sulla comunità arbëreshë in Calabria, Giuseppe De Bartolo propone su www.OpenCalabria.com una riflessione riguardo la minoranza grecanica in Calabria.

La minoranza grecanica in Calabria

Si apprende che nell’antichità (XVI secolo) questa comunità era insediata in 30 comuni e la popolazione era superiore a 30000 persone. Nel 1861 i comuni erano 11 e la popolazione poco meno di 18000. Oggi, la comunità grecanica è localizzata in 5 comuni e la popolazione è composta da 11211 abitanti.

Approfondendo i dati di Roghudi, Roccaforte del Greco, Condofuri, Bova e Bova Marina, dove ancora oggi persistono tracce evidenti della parlata greca; Giuseppe De Bartolo mostra come dal 1861 al 1951 la popolazione ellenofona di queste cinque località conosca un periodo di notevole crescita. In seguito, queste aree si spopolano per effetto di un’intensa emigrazione, non assorbita dal saldo naturale.

Il saggio di De Bartolo invita a riflettere sugli effetti che queste dinamiche demografiche hanno sulla struttura per età dei comuni interessati. Oggi, per esempio, l’indice d’invecchiamento della popolazione è molto elevato; 196,3 vecchi per 100 giovanissimi, valore superiore sia a quello medio regionale (158,4%) sia a quello dell’Italia (168,9%).

Le previsioni per i prossimi 50 anni sono catastrofiche: è altamente probabile che l’indice di vecchiaia aumenterà in modo esponenziale, passando da 196% a 369%.

La sintesi è la “sparizione” dei Comuni di Bova e di Roccaforte del Greco.

Il saggio è quindi consultabile da:

La Grecìa calabrese: un’altra area in implosione

Multimag Comments

We love comments
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *