TOP MENU
CALABRIA IN CIFRE
ITINERARI & TURISMO
GUARDA DOVE SIAMO
LOCALITA'
CASTELLI
CUCINA CALABRESE
MUSEI & ARCHEOLOGIA
MANIFESTAZIONI & EVENTI
NOTIZIE & STAMPA
FOTO
TARANTELLE
DETTI CALABRESI
CULTURA CALABRESE
LINK
CONTATTACI
PUBBLICIZZATI
SEGNALACI UN EVENTO
MANDACI DEI CONSIGLI
LEGGI LA POSTA
AZIENDE
AGRICOLTURA
NEWS DAL MONDO AGRICOLO
BERGAMOTTO
PREZZIARIO REGIONALE
GUIDE L'AGRICOLTURA
IMPARARE A RICONOSCERE GLI ALBERI
PRODOTTI TIPICI
SPORT
NEWS DALLO SPORT
FC MELITESE
RADIO CALABRESI
RADIO STUDIO 95
RADIO MELITO
RADIO TURING 104
RADIO VENERE
STADIO RADIO
GOCHI FREE
TUTTI I GIOCHI DA SCARICARE
GIOCHI FLASH ON LINE
GDR L'ISOLA DEI VIAGGI
TOP FREEWARE
PROGRAMMI FREE
SFONDI PC
SUONERIE CEL FREE
MANUALI
UTILITA'&OPPORTUNITA'
CURRICULUM ON LINE
UNIVESITA' CALABRESI
VARIO
NORME DI PRIMO SOCCORSO
BARZELLETTE
ALLEGATI ALLE MAIL
AFORISMI
FRASI X OGNI OCCASIONE
CARTINE STRADALI
DISEGNI DA COLORARE
PREGHIERE
RUBRICHE NAZIONALI
A COME AMBIENTE
NOTIZIE DAL GOVERNO
GUIDA ALLA NORMATIVA FISCALE
 
HOME
 
Petrali
(Dolci farciti con frutta secca)

Reggio Calabria

Questi dolci sono tipici del periodo natalizio ed appartengono alla tradizione dell’area grecanica. Il nome è una chiara allusione agli scherzi che si facevano la notte di Capodanno, come quello di mettere delle grosse pietre legate ad un robusto fil di ferro dietro le porte delle abitazioni. Questi dolci hanno diverse varianti nella preparazione del ripieno, in base alle diverse località calabresi, comunque non sempre vengono glassati; una glassatura moderna e più costosa è fatta con il cioccolato. Da accompagnare con un Calabria passito IGT.
Ingredienti per la pasta: 800 gr. di farina, 250 gr. di zucchero, 120gr. di sugna, 3 uova, un bicchiere di latte, un cucchiaino di ammoniaca (oppure un cucchiaino di lievito per dolci) ed un pizzico di sale.
per il ripieno: 500 gr. di fichi secchi, 250 gr. di mandorle spellate e tostate, 100 gr. di gherigli di noci, 50 gr.di cedro candito, la scorza grattugiata di un arancio, un bicchiere di vino cotto (fatto ridurre sul fuoco).
Per decorare: glassa di zucchero bianca e al cioccolato, diavoletti di zucchero colorati.
Procedimento
Preparate in anticipo il ripieno, che deve rimanere a riposare almeno per 12 ore. Fate rinvenire i fichi secchi in acqua calda per 5 minuti, quindi scolateli, asciugateli con un tovagliolo, toglitene il picciolo e tritateli finemente. Mettete in una ciotola i fichi, le mandorle e le noci tritate, il cedro tagliato a dadini, la scorza d’arancio grattugiata ed il vino cotto: mescolate accuratamente, coprite il ripieno e lasciate riposare fino al giorno dopo. Per la pasta, versate su un piano la farina e lo zucchero, mescolate e formate una fontana. Nel centro rompete le uova e aggiungete lo strutto e l’ammoniaca. Impastate e lavorate per 5 minuti; poi dividete la pasta in 2-3 parti e tirate delle sfoglie alte circa 1/2 cm. Ricavate con una tazza del diametro di circa 10 cm. dei dischetti; mettete su un lato di ciascun dischetto un cucchiaio di ripieno inumidite con un poco di latte i bordi, e ripiegate il disco sul ripieno formando delle mezze lune. Sigillate il bordo pressandolo con le dita, disponete i petrali su una teglia unta con dello strutto e spennellateli con un po’ di latte. Badate però di distanziarli bene, in modo che durante la cottura non si attacchino e cuoceteli in forno preriscaldato a 180-200 gradi fino che siano leggermente dorati. Lasciateli raffreddare e decorateli con la glassa di zucchero bianca e al cioccolato, infine prima che si asciughi la glassa cospargeteli leggermente con i diavoletti colorati.
Petrali
This is a typical Christmas sweet originating from the traditions of the Greek areas of southern Italy. The name is an obvious allusion to the tricks that were played on New Years Eve, for example, putting large stones tied to a metal pole behind the door of someone’s house so that they couldn’t open the door. This sweet is prepared in various ways depending on the area of Calabria and it Is not always iced. A modem, and more expensive, method of icing is made with chocolate. Serve with a Calabria Passito IGT wine.
Ingredients
Pasta (dough):
800g flour, 250g sugar, 120g lard, 3 eggs, 1 glass of milk, tsp ammonia (or 1 tsp of baking yeast), a pinch of salt.
Stuffing:
500g dry figs, 250g toasted and peeled almonds, 100g walnuts, 50g cedro candies, grated orange peel, 1 glass cooked wine (made by reducing on the hob)
Decoration:
White sugar and chocolate icing, hundreds and thousands (tiny coloured sticks for decorating cakes)
Method
Firstly, prepare the stuffing the night before and leave it to rest for at least 12 hours. Put dried figs in hot water for 5 mins to hydrate, dry with a napkin, remove stalks and finely chop. Put figs in a bowl; add finely chopped almonds and walnuts, diced cedro, grated orange peel and cooked wine. Mix well, cover and leave to rest until the day after.
To make the pasta, put flour on a work surface and add sugar, mix and form a fountain. In the centre add eggs, lard and ammonia. Kneed well for 5 mins; then divide the pasta in to 2- 3 parts and roll out until it is about 1/2 cm thick. Using a cup, with a diameter of around 10cm, cut the dough into discs; add the stuffìng to one side of each disc, brush the border with a little milk and fold to form half moon shapes. Close the edges by pressing together with the finger, put on a baking tray, already lined with lard, and brush the sweets with a milk. Make sure that there Is a little gap between each sweet so that when they are cooked they don’t stick together. Cook until lightly golden in a pre-heated oven at between 180°-200°. Leave to cool and decorate with an icing of white sugar or chocolate. Before the icing has set dust with hundreds and thousands.


=> MaKo.biz <=

 
 
Grazie a tutti quelli che fino ad oggi hanno visitato il sito ed hanno dato buoni  consigli per l'ampliamento ed il miglioramento del servizio !
Nta Calabria Copyright 2001 (ntacalabria) Tutti i diritti riservati