La poesia in vernacolo “Povera Calabria”

La poesia in vernacolo “Povera Calabria”

 

Di seguito riportiamo una poesia in vernacolo di un poeta che è voluto rimanere anonimo

 

  POVERA CALABRIA

 

         Calabria mia pecchì si sventurata?

Forzi è la gamba ca ti teni schiacciata?

Non è possibili ca stu postu bellu

i l’Italia diventau lu zimbellu.

 

Si tutti i jorna apri lu giornali

non manca un rigu a undi si parra mali,

omicidi, estorsioni e rapimenti

e’ u pani quotidiano i tutti i denti.

 

E li ‘ntrallazzi di politicanti

fannu iastimari Dio e tutti i santi.

Non è possibili ca pe sta genti ‘ngrata

sta terra resta sempri disgraziata

 

simu guardati i tutti cu disprezzu

e ognuno i nui paga puru u so prezzu.

Si vai ‘nto Nord sulu a passiata

di certu di ‘rrovini la jornata

 

ti puntano chiddi occhi spiritati

pe iddi simu peggiu di ‘mpestati.

Ma chisti pulentuni ‘mbriacati

si sperdunu i comu su trattati

 

‘nta stati quando veninu in vacanza

‘nici cacci la lordia e ‘nci inchi a panza

 

A genti nostra è china di difetti

ma a chisti ‘cca ‘nci usanu rispetti

.

 

I veri calabrisi non su tutti maffiusi

a maggioranza i chisti sunnu laburiusi.

‘Ndavi persuni cu tanta ‘intelligenza

ca a cui non ‘nci rriva sa vindunu a cridenza.

 

A tutti i malfattori na cosa vogghio diri

i pensanu ca nu jornu anch’iddi hanno a moriri.