Traffico di droga Calabria-Sicilia: Arresti anche nel reggino

Traffico di droga Calabria-Sicilia: Arresti anche nel reggino

Decine di arresti e perquisizioni della polizia di Stato tra le province di Trapani e Reggio Calabria per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. E’ questo l’esito dell’operazionea ntidroga “Acheron.  Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, hanno documentato l’attivita’ di due distinte organizzazioni criminali, tra loro collegate, operanti a Trapani e provincia, in grado di garantire il funzionamento di numerose piazze di spaccio ubicate in sia nel Capoluogo che a Marsala.

Cocaina, marijuana, hashish. Erano le droghe che il gruppo di Giostra sgominato dalla Guardia di Finanza di Messina faceva arrivare dalla Calabria, tramite collegamenti con base operativa a Reggio Calabria e nelle roccaforti ‘ndranghetiste di San Luca e Melito Porto Salvo.

Fornitori che non si fermavano neppure durante il Covid: durante la pandemia, per eludere i controlli delle Forze di Polizia e poter beneficiare, nel contempo, di un canale di passaggio prioritario sullo Stretto, provvedevano alla consegna dello stupefacente a Messina utilizzando autoambulanze. E’ quanto emerge dall’inchiesta della Dda della Città dello Stretto.

L’agguerrito gruppo criminale che gestiva il traffico di droga tra Sicilia e Calabria, era in grado di contrattare con le organizzazioni calabresi l’acquisto di armi da guerra, come fucili mitragliatori del tipo Uzi, dotati di silenziatore.