La donna protagonista del futuro  dell’agricoltura e la sostenibilità

La donna protagonista del futuro dell’agricoltura e la sostenibilità

 

Nel pomeriggio di oggi alle ore 16:30 con il patrocinio delle amministrazioni comunali dei comuni di Melito Porto Salvo e Roghudi, si terrà presso il  Centro Conferenze Access Point Roghudi il Convegno Distrettuale Task Force Lavoro e Impresa, IL FUTURO DELL’AGRICOLTURA E LA SOSTENIBILITA’: LA DONNA PROTAGONISTA.

A porgere i saluti la presidente della sezione Fidapa Bpw di Melito di Porto Salvo Dominella Marra e a susseguirsi verranno fatti degli accurati interventi da diverse figure specialiste di settore: Domenica Malaspina(referente Commissione Lavoro e Impresa Fidapa Bpw sezione di Melito di Porto Salvo), dalla  dott.ssa Flaviana Tuzzo (Presidente OCDL RC) che parlerà di Agevolazioni, assunzioni e tutela della donna nel fare Impresa, dal dott. Pietro Sirianni (Direttore Coldiretti RC) che parlerà dell’evoluzione dell’impresa al femminile, valore aggiunto per la società, dal dott. Salvatore Esposito (Direttore della Banca Monte Paschi di Siena Melito PS) che parlerà di incentivi e accesso al credito per l’agricoltura, dal dott. Giacomo Giovinazzo (direttore Generale Dipartimento Agricoltura Regione Calabria) che parlerà di nuove prospettive europee per la sostenibilità e l’agricoltura, mentre a moderare l’incontro sarà la dott. Domenica Palumbo (referente Task Force lavoro e Impresa Distretto Sud ovest Fidapa Bpw).

Un convegno ricco di temi interessanti dove anche la dott. Pina Genua Ruggiero  assieme ai presenti parleranno del futuro dell’agricoltura e sostenibilità dove la donna è protagonista. I relatori spiegheranno tutte le argomentazioni sul fare impresa: evoluzione dell’impresa al femminile; incentivi a accesso al credito per agricoltura; e nuove prospettive europee per l’agricoltura.

Oggi più che mai si è capito che il settore da valorizzare è quello agricolo. Tornare alla terra, alle origini per coltivare il futuro. La figura cardine ma non per forza di braccia, perché riesce a guardare lontano è la donna. In un settore così maschile le donne si sono fatte largo a forza di impegno, innovazione, attenzione alla sostenibilità e alla responsabilità sociale.
Le istituzioni hanno colto al volo quest’evoluzione di essere donna imprenditrice tanto che nei progetti viene sempre attribuito un punteggio più alto se a costituire un’impresa è proprio una donna.