MENU
 
AZIENDE
BERGAMOTTO
CALABRIA IN CIFRE
CONTATTACI
CUCINA CALABRESE
DETTI E CANZONI
PUBBLICIZZATI
GUARDA DOVE SIAMO
LOCALITA'
MANDACI DEI CONSIGLI
MANIFESTAZIONI

MUSEI & ARCHEOLOGIA

NOTIZIE & STAMPA
RADIO CALABRESI
SEGNALACI EVENTO
VARIO
LINK
ITINERARI
 
HOME
 
 
 
 
 
 
 
>FOTO
>UNIVESITA' DI REGGIO CAL.
 
 
 
 
cerca con google
 

Strategie per una nuova agricoltura

Strategie per una nuova agricoltura

Pirillo ha incontrato i rappresentanti delle organizzazioni. Ribadito l’impegno per le clementine


Le strategie per la nuova programmazione del settore agricolo calabrese sono state al centro dell’incontro che l’assessore regionale all’Agricoltura ha tenuto con le organizzazioni professionali agricole regionali. All’incontro sono intervenuti Francesco Macrì, presidente di Confagricoltura, Carmelo Vazzana, presidente di Copagri, e Michele Drosi, vicepresidente Cia, accompagnati dai rispettivi direttori organizzativi. “Assenti - riporta un comunicato - i responsabili della Coldiretti, che nei giorni scorsi avevano sollecitato la convocazione del tavolo agricolo regionale. Sollecito al quale l’assessore Pirillo aveva risposto meravigliato, vista la convocazione dell’incontro odierno programmata già dal 10 gennaio scorso”. È stato Michele Drosi della Cia, ad esprimere disappunto per l’assenza della Coldiretti. “Nel corso dell’incontro - prosegue la nota - è stato infatti ricordato dai presenti che il Tavolo agricolo, istituito con legge regionale nel 2002, ha motivo d’essere quando la politica agisce contemporaneamente in più settori: è in questi casi che il Tavolo assurge ad organo rilevante ai fini della programmazione generale della politica calabrese”. Contento e soddisfatto si è detto Carmelo Vazzana. Il Presidente della Copagri ha posto l’accento sulla “incredibile accelerazione della spesa negli ultimi sei mesi di attività. È questo un dato di fatto che va riconosciuto all’Assessore Pirillo”. Al 31 dicembre 2005, infatti, il Feoga (il Fondo europeo in campo agricolo) ha raggiunto una spesa pari al 63% delle risorse riconosciute alla Calabria. Poi Vazzana è passato a riflettere criticamente sulla gestione dei PIF, i Piani Integrati di Filiera, per i quali “c’è stato un lassismo e una inefficienza delle strutture regionali del precedente corso amministrativo che vanno velocemente colmati”. A tal proposito è stata annunciata la volontà di andare verso lo scorrimento della graduatoria dei PIF, dei quali 55 sono in istruttoria presso il Dipartimento Agricoltura. Il Presidente di Confagricoltura, Francesco Macrì, associandosi alla riflessione di Vazzana, ha poi chiesto a Pirillo “se è intenzione dell’Assessorato di intervenire anche nella rifunzionalizzazione dei Consorzi di Bonifica”. L’Assessore Pirillo ha chiarito che è sua intenzione “convocare sistematicamente una serie di tavoli tematici per giungere rapidamente a soluzioni concrete”. A questo proposito l’Assessore regionale ha già fissato per il prossimo 27 gennaio una riunione che si occuperà specificamente del Regolamento CEE 2080, una normativa intorno alla quale rimane forte l’interesse del mondo agricolo calabrese. “Mi risulta che il sindaco di Rossano, Orazio Longo, è persona attenta. Stranamente, in questo caso, sembra ignorare che la deliberazione con la quale la Regione ha chiesto lo stato di calamità naturale, è stata da me portata in Giunta, e successivamente approvata, nella seduta di lunedì 16 gennaio”. È quanto sostiene in una nota l’assessore regionale all’agricoltura, Mario Pirillo, circa la richiesta del sindaco di Rossano dello stato di calamità. “Mi darà atto il Sindaco di Rossano - ha aggiunto - che non da oggi seguo con attenzione le problematiche riguardanti il territorio della Sibaritide. Nel merito, poi, ero già intervenuto, approntando una prima deliberazione sullo stato di crisi del mercato delle clementine, la 1050 del 28 novembre 2005, proprio perché conosco bene le difficoltà lamentate dai produttori, difficoltà causate dalla forte concorrenza degli altri paesi che si affacciano sul Mediterraneo, dal deprezzamento del prodotto attestato ad un prezzo di vendita che é più basso del costo di produzione, ma anche dalla mancanza di tutela del prodotto stesso. Ecco perché da tempo sostengo che ognuno debba fare la propria parte, se si vuole veramente affrontare e risolvere i problemi”. “C’é bisogno - ha concluso - di tutelare le clementine con un marchio certificato. Aggiungo che è mia intenzione proseguire su una intuizione che, sono convinto, potrà dare sfogo all’aumento delle nostre produzioni d’eccellenza. Mi riferisco alla grande distribuzione estera, Russia e Cina in particolare, dove certamente potremo essere competitivi. Stia tranquillo il primo cittadino rossanese: l’attenzione mia personale e della Giunta Regionale non mancheranno”.

Il giornale di Calabria – 25/01/06

 

Google
 
Web www.ntacalabria.it
 

 
 
Prodotti tipici !! Hai dei prodotti che vorresti vendere ? Vuoi comprare dei prodotti ?
 
Tipicals è l'opportunità che fa per te!!!sei interessato ?? ..... contattaci...
 
 
 
 
 
HOME
AMBIENTE
LEGGI LA POSTA
 
 
foto trattori
foto trattori
foto trattori
 
 
 
giochi on-line il nuovo servizio di ntacalabria, in collaborazione conmegghy.com
 
 
 
Grazie a tutti quelli che fino ad oggi hanno visitato il sito ed hanno dato buoni  consigli per l'ampliamento ed il miglioramento del servizio !
Nta Calabria Copyright 2001 (ntacalabria) Tutti i diritti riservati